Passa ai contenuti principali

ERRI DE LUCA PRESENTA DIAVOLI CUSTODI

Erri De Luca torna in Puglia per presentare il suo ultimo libro Diavoli Custodi. Trentasei brevi racconti dell’autore e altrettanti disegni  dell’artista Alessandro Medini.
Sulla scia di una tradizione della letteratura italiana che si accompagna alle firme del grande design italiano e che vede tra i binomi indimenticabili, fra gli altri, Rodari e Munari, Erri De Luca e il designer Alessandro Mendini danno vita a un vivacissimo campionario di “mostruosità terrestri”, tracciando un’anatomia illustrata e scritta dei loro mostri, così come dei nostri.
Organizzato da Associazione UP e Libreria Feltrinelli, l’incontro pubblico con i lettori si terrà sabato 25 novembre al Convitto Palmieri di Lecce alle ore 18.30.

Sabato mattina sarà il Saxophone Quartetto del Liceo Classico e Musicale Giuseppe Palmieri diretto dal maestro Fulvio Palese ad accogliere lo scrittore alle ore 9:00  nello storico liceo leccese. L’incontro moderato dalla prof.ssa Katia Mazzotta sarà occasione di dialogo con lo scrittore per gli studenti del liceo che nell’ottobre del  1975 ospitò Pier Paolo Pasolini.
Alle ore 11:00 Erri De Luca raggiungerà il Liceo Francesca Capece di Maglie per un incontro molto atteso dagli studenti che in questi mesi hanno dedicato un approfondimento sui testi dell’autore con le docenti Cristina Antonaci e Ida Vinci.
Il viaggio di Erri De Luca in Puglia partirà da Bari, venerdì 24 novembre: alle 11.00 incontro con gli studenti del Liceo Scacchi al cine-teatro Royal. Nel pomeriggio, alle 18.00 lo scrittore incontrerà i lettori alla libreria Feltrinelli di Bari.



Sinossi
Un libro unico e prezioso “Diavoli Custodi” destinato a diventare un classico. Si comincia con un’illustrazione, sulla pagina a sinistra, da cui poi il racconto posto al fianco prende liberamente l’abbrivio (“Qui l’immagine,” scrive De Luca in apertura, “ha la precedenza e da lei ha origine la pagina di destra”), e così si prosegue fino alla fine, dove l’ultimo racconto – sull’indifferenza – ha la forza di far scaturire a propria volta il disegno che chiude il volume.
Erri De Luca e Alessandro Mendini, iniziando quasi per gioco e poi via via stabilendo fra loro un dialogo di forme e parole serrato e ricco di senso, tracciano sulla pagina le proprie paure, le tentazioni, le fiere ostinazioni, e tutto un campionario di “mostruosità terrestri”. E dunque, a ben vedere, compongono anche un libro di piccoli eroismi che scandaglia, attraverso percorsi sorprendenti, tutt’altro che logici e prevedibili, il nostro più profondo sentire: facendoci avvertire il fiato dei mostri sbrigliati dietro le spalle e al contempo consegnandoci le chiavi del serraglio dentro cui tenerli a bada. A ispirarli nelle loro opere i disegni di una serie di mostri, alcuni buffi altri minacciosi, tracciati da Pietro, un bambino caro a entrambi. “Questo libro non è una terapia, non costringe allo sfratto i mostri residenti. Affronta la loro anatomia, illustrata e scritta.”



Gli autori
Erri De Luca è nato a Napoli nel 1950. Tra gli ultimi libri, pubblicati sempre con Feltrinelli: Il giorno prima della felicità (2009), E disse (2011), I pesci non chiudono gli occhi (2011), Il torto del soldato (2012), La doppia vita dei numeri (2012), Ti sembra il Caso? (con Paolo Sassone-Corsi; 2013), Storia di Irene (2013), La musica provata (2014; il libro nella collana “I Narratori”, nella collana “Varia” il dvd del film), La parola contraria (2015), Il più e il meno (2015) e La faccia delle nuvole (2016).
Alessandro Mendini (1931), architetto, artista, designer, è personaggio rappresentativo dell’idea di una progettazione critica cosciente e poetica. Ha diretto le riviste “Casabella”, “Modo”, “Ollo”, “Domus”. Dagli anni settanta è punto di riferimento nella svolta verso il design postmoderno.Vive e lavora a Milano.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 14 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa