Passa ai contenuti principali

E’ UN OLIMPIA S.B.V. CON L’ACQUA ALLA GOLA

E’ buio profondo in casa OLIMPIA S.B.V. e  a meno di un’urgente soluzione da adottare, il trend non subirà scostamenti né inversioni di tendenza.
Il divario tecnico con le squadre di fascia medio-bassa è decisamente sfavorevole alla compagine galatinese che, in estate, ha subito un radicale rinnovamento del roster ,non proprio all’altezza della passata stagione.

L’aver smembrato un gruppo compatto ed affiatato ,che in due anni ha conquistato traguardi importanti come la vittoria del campionato di serie C , la coppa Puglia e garantito una tranquilla permanenza in serie B , la dice lunga sulle strategie dirigenziali messe in atto .
Con tutto il rispetto per l’organico che mister Stomeo ha avuto in mano con il compito di amalgamare e mettere in sintonia i vari reparti, l’aver mantenuto in squadra i soli Buracci, Guarini e Pierri è stato un azzardo.
Dal punto di vista dei rapporti interpersonali manca, o non è ancora maturato, tra i nuovi arrivati quel feeling che diventa il filo di congiunzione che ottimizza attività professionale e vivere sociale.
L’abbandono poi, per motivi personali, dell’opposto Maracchia è la cartina tornasole di un malessere latente nel gruppo, acuito dalla negatività dei risultati che inchiodano squadra e società alle rispettive responsabilità.
E dire che la trasferta di Potenza, contro una compagine costruita per posizioni di vertice, nel suo primo atto ha illuso tutti : un primo set conquistato per 25 a 18 con un contributo di un Roberti molto falloso , ma soprattutto con una percentuale positiva del 75% in ricezione , che ha messo Calò in condizioni di distribuire al meglio.
Poi la caduta libera per 25-18 e 25-17 nel secondo e terzo set, una minima reazione nel quarto 25-21 e in un ‘ora e cinquanta l’incontro si è chiuso a favore dei lucani.
I dati oggettivi rilevati dagli scout della gara sono scoraggianti nella loro globalità.
Su 116 attacchi portati dagli uomini di Stomeo ,ben 12sono stati i muri subiti, quelli realizzati solo 6 , con una percentuale di punti pari al 34%. Il Potenza ha attaccato 120 palloni , subito 6 muri e realizzato 12 muri punto: la percentuale realizzativa è stata del 44%.
La rotazione più penalizzante è stata la P3 , con Iaccarino e Buracci in prima linea ,che ha causato un -8 pesantissimo, mentre Guarini (6 punti) e Iaccarino (8 punti) hanno fatto segnare la miglior percentuale realizzativa (50%) sul totale degli attacchi serviti.
Migliori realizzatori della gara : nelle file dei padroni di casa l’opposto Roberti con 22 punti e tra i galatinesi il laterale Buracci con 14 punti.
TABELLINO
VIRTUS POTENZA -OLIMPIA S.B.V. GALATINA (18/25, 25/18, 25/17, 25/21)
OLIMPIA S.B.V. GALATINA
GUARINI 6, CORSETTI 4, ROSSETTI 1, IACCARINO 8, APOLLONIO(l), MUCCIONE (n.e.), CALO’ 1, PIERRI(L) , PERSICHINO(n.e.), MASTROPASQUA 8, PETROSINO 5 , BURACCI 14,   All. STOMEO Ass. BRAY
GIOCOLERIA VIRTUS POTENZA
DI NUCCI (L), LUPERTO 10,LISTRATOV 6,LAURITA,PARISI 6,STARACE 11,GRIBOV 15,MULIERE,AMODIO(n.e.),ROBERTI 22

All. MARANO

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata