Passa ai contenuti principali

Basket in carrozzina “1° Memorial Heidi Bortone”

Sabato scorso al “PalaVentura” di Lecce la prima edizione del “Memorial Heidi Bortone” (moglie del fondatore e coach della Lupiae Team Salento, deceduta tre anni fa a causa di un male incurabile), ha sin dalle prime battute di gioco regalato grandi emozioni.
Un successo che al termine della maratona di canestri, a firma Lupiae Team Salento, Boys Taranto e Reggio Calabria Bic, ha premiato il roster di Simone Spedicato, presidente-giocatore della squadra leccese.

Il team di casa, infatti, nella finalissima del torneo ha battuto, nel corso di un match altamente spettacolare, il Reggio Calabria Bic con il punteggio di 53-40.
Al termine della manifestazione Rocco Bortone, visibilmente emozionato, ha dichiarato:<
Una prima edizione del “Memorial Heidi Bortone”che è stata decisamente bella come la sua persona. Un amore, il nostro, sbocciato all’inizio degli anni ‘80 in Germania e che è durato per oltre quarant’anni. Poi, purtroppo, la malattia e il distacco nel novembre del 2014 dalla vita terrena. Incontrarla è stata per me una fortuna. Lei, che ogni giorno vive in me>>.
Tabellino
“1° Memorial Heidi Bortone”
PalaVentura di Lecce, 18 novembre 2017
Lupiae Team Salento-Boys Taranto: 72-44
Boys Taranto- Reggio Calabria Bic: 29-46
Lupiae Team Salento-Reggio Calabria Bic: 53-40
Miglior realizzatore del torneo con 35 punti Wilber Montano (Lupiae Team Salento)
Arbitri di gara: Sabrina Selicato e Biagio Baccilieri


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata