Passa ai contenuti principali

"One Belt and One Road International Art Tour Exhibition"

Sino al 14 ottobre l'artista salentino Simone Franco sarà in Cina, Regione Autonoma della Mongolia Interna e Mongolia per "One Belt and One Road International Art Tour Exhibition", mostra itinerante lungo un percorso che tocca le capitali dei tre stati, partendo da Pechino, attraversando il Nord per arrivare a Hohhot e, proseguendo nel Deserto dei Gobi, fino a Ulan Bator. L'artista è stato invitato dai presidenti dell'Association Artistique sino-francaise e dell'Unione degli Artisti della Mongolia per "Fabbricanti di Armonie - Harmonies Makers", progetto multidisciplinare di Arte Ambientale - Land Art. Nel corso del lungo viaggio - partito da Pechino il 24 settembre - l’artista si confronterà con una ventina di artisti cinesi e mongoli, con la fotografa tedesca Ute Bruno e l’illustratrice e pittrice spagnola Maria Torres, lavorando a sculture di pietre raccolte lungo l'itinerario. Lunedì 2 ottobre a Ulan Bator (capitale della Mongolia) presenterà il suo progetto nel Centro dell'Unione degli Artisti in Mongolia (UMA), la più grande organizzazione nazionale, no-profit, delle arti con la funzione di promuovere l’arte figurativa mongola in patria e all’estero e di incentivare la collaborazione internazionale tra artisti mongoli e partner internazionali. L’Unione - che si compone di 600 soci artisti e di differenti sezioni (pittura, arte grafica, scultura, murales e manufatti tradizionali) - è membro della International Association of Art (IAA) e della International Organization of Folk Art (IOV/IOFA), una divisione dell’UNESCO. Il progetto Fabbricanti di Armonie si avvale della collaborazione di Regione Puglia, Provincia di Lecce – Museo Sigismondo Castromediano, Comune di Lecce, Comune di Cursi - Eco Museo della Pietra Leccese e delle CaveIstituto di Culture Mediterranee, Teatro Pubblico Pugliese e Positivo Diretto / Bitume Photofest.
La “Via della Seta” condensa, in un’unica espressione, secoli di storia e di avvenimenti che hanno segnato il destino di popoli e culture. La “Via della Seta” fu iniziata nel 114 a.C. nel periodo della dinastia Han (206 a.C. – 220 d.C.), e sopravvisse fino almeno al XV secolo, con l’apertura delle vie marittime. Raggiunse un’estensione di oltre 8000 chilometri e, oltre a essere una via commerciale, era un potente mezzo di scambi di informazioni, persone, idee, culture. Ancora oggi lungo tutto il percorso si possono trovare tracce dei popoli, delle idee e delle merci che l’hanno attraversata e modellata, tutte testimonianze del fatto che la “Via della Seta” ha rappresentato un dialogo tra le civiltà della Cina e dei paesi del Vicino Oriente e del Mediterraneo. Lungo questo percorso nei secoli hanno transitato carovane di cammelli carichi di seta, prezioso materiale di cui la Cina ha conservato e conserva ancora oggi il “segreto” della sua lavorazione. Grazie a questa “via della seta” la Cina riusciva a garantirsi il monopolio del tanto ricercato tessuto, che trovava acquirenti nell’Impero Romano, a Occidente. Ed è con questo spirito, “dei vecchi tempi”, che oggi la Cina propone sul mercato globale ed internazionale l'innovativo progetto denominato “One belt one road” (OBOR), ovvero la nascita e la costituzione di una “nuova via della seta”. Si tratta di un'iniziativa strategica volta al miglioramento dei collegamenti e della cooperazione internazionale, sia via terra che via mare, tra i paesi dell'Eurasia. Un progetto economico volto ad integrare l’Asia e l’Europa per mezzo della costruzione di sei corridoi di trasporto via terra e via mare, attraverso i quali circoleranno merci, tecnologie e cultura. Un’importante  occasione di scambio culturale nel solco della storia della Cina e dell'Europa.

Simone FrancoAttore, regista, performer, di formazione antiaccademica, si lega alla pratica laboratoriale presso i maggiori esponenti del Teatro di Ricerca nazionali ed internazionali (Pippo Delbono, Living Theatre, Odin Teatret, Danio Manfredini, Carmelo Bene, Carlo Quartucci, Carla Tatò, Armando Punzo, Tapa Sudana, Nikolaj Karpov, Anatolij Vasiliev). Come regista ha scritto diverse drammaturgie, rivolgendo particolare attenzione a temi quali il disagio psichico, l’immigrazione e la persecuzione politica. Gli ultimi lavori di cui è regista e attore si spingono sempre più verso la relazione tra la musica e la poesia: allestisce il concerto-spettacolo “Fabbricanti di Armonie” con un ensemble di musica sperimentale ed il concerto-spettacolo “Poemi della negritudine” con Aida Samb ed un ensemble di percussionisti italiani e senegalesi. Da diversi anni si dedica alla scultura temporanea, stone balancing, arte meditativa rivolta a porre in equilibrio pietre e massi di varie forme, in relazione alla musica. Aderisce alla rete mondiale di Balancer e partecipa al meeting internazionale BAWI 2013. Simone Franco ha introdotto in Puglia e nel Salento in particolare, le sculture di pietre in equilibrio, attraverso numerose mostre, performance, concerti, col progetto Fabbricanti di Armonie, mosso da profonde ragioni etiche ed ecologiste, nel quadro di un generale squilibrio dei rapporti Uomo Natura.

Fabbricanti di Armonie
Nel 2008, in occasione di un viaggio-studio, consulta i materiali di archivio frutto delle ricerche di Harald Szeemann per Documenta di Kassel, presso il Centro Congressuale Monte Verità ad Ascona, in particolare le ricerche e le opere “il giardino enciclopedico” dell’eclettico artista svizzero Armand Schulthess, del quale rimane particolarmente influenzato. Durante il viaggio studio incontra il poeta Andrea Zanzotto presso la sua casa a Pieve di Soligo, di cui approfondisce la poetica indissolubilmente legata al Paesaggio. Al termine della ricerca formula il Progetto “Fabbricanti di Armonie” una personale innovazione della pratica artistica dello Stone Balancing. Realizza numerosi laboratori, mostre e performance, collettive e personali, in luoghi di pregio paesaggistico, gallerie d’arte, siti archeologici, cave, frantoi, opifici, luoghi di archeologia industriale, al fine di sensibilizzare il pubblico a volgere lo sguardo al problematico rapporto dell’Uomo con la Natura. La performance Fabbricanti di Armonie si arricchisce delle composizioni sonore di un ensemble di musicisti che cambia in relazione alle caratteristiche sonore ed emozionali dei luoghi.

Stone Balancing

Un processo artistico di relazione con l’ambiente, inteso in senso plurimo, in cui il Fabbricante si confronta e ricrea un contesto armonico, che scaturisce da un percorso emozionale e di ricerca, nel solco della tradizione dell’Arte Povera e dei precursori della Land Art. La performance trae origine dall’antica Arte Zen di disporre ritualmente le pietre in equilibrio al fine di trarre benefici ed energie per il singolo e per la comunità. La performance pone l’accento, sulla forza energetica e processuale insita nella Natura, generatrice di processi dinamici ed equilibri instabili; la pratica artistica è oggi diffusa in tutto il mondo col nome di Stone Balancing. Tramite l’utilizzo di pietre raccolte nel territorio ospitante, si intende realizzare sculture temporanee “site specific” al fine di re-indirizzare le percezioni dei Fabbricanti e dello spettatore, nel paesaggio e nel contesto armonico ricreato. Le sculture temporanee assumono provvisoriamente la veste effimera di oggetti d’arte, testimonianze del processo casuale e di creazioni in divenire; lo spazio urbano della performance sarà fruito come una galleria d’arte diffusa. Il progetto è stato ospitato in circa 40 tappe in Puglia, Italia e all'Estero, approdando anche in Francia, Grecia, Croazia e Cina (già nel 2016).

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa