Passa ai contenuti principali

"Omofobi del mio stivale"

Venerdì 27 e sabato 28 ottobre a Lecce, in occasione del festival Conversazioni sul futuro, si terrà la seconda tappa di "Omofobi del mio stivale". La manifestazione itinerante contro l’omofobia e per i diritti civili è nata da un'idea del linguista Massimo Arcangeli dopo la vicenda di due ragazzi gay discriminati dal titolare di una struttura poco "ricettiva" di Ricadi. E proprio dalla cittadina della
provincia di Vibo Valentia è partita il 2 settembre questa "staffetta" che dopo Lecce proseguirà a Napoli e in altre regioni italiane. La vicenda dei due ragazzi, rilanciata da tutti i giornali, ha fatto il giro d’Europa (e non solo), e da allora i casi di discriminazione contro gli omosessuali (e i transessuali) si sono moltiplicati, dalla Campania alla Puglia (interessando anche San Foca, Marina di Melendugno) all’Emilia Romagna. Quel primo clamoroso caso è divenuto così il simbolo di un’estate negativa per i diritti Lgbti ma è stato al contempo un importante stimolo per chi, segnalando casi analoghi, ha dimostrato di voler reagire.

L'evento leccese - promosso dall'associazione “La parola che non muore” e dal festival “Conversazioni sul futuro”, in collaborazione con Agedo Lecce, Arcigay Salento, Fermenti Lattici, Io come te, Lea - Liberamente e Apertamente, Rainbow Network, Salento Pride, Salento Rainbow Film Fest, Say Yes - proporrà venerdì 27 (dalle 18 alle 20.30 alle Officine Culturali Ergot) e sabato 28 ottobre (dalle 9.30 alle 12.30 al Teatro Paisiello) una serie di incontri, presentazioni, interventi e dibattiti con la partecipazione, tra gli altri ospiti, di Gennaro Casalino (uno dei due ragazzi discriminati a Ricadi che ha denunciato l'accaduto), Rosy Russo (ideatrice di Parole Ostili), della giurista Alessia Bausone (che ha seguito la vicenda di Ricadi fin dall'inizio), dell'attore, scrittore e conduttore Fabio Canino, dell’attore e regista Daniele Gattano e dello scrittore e già consigliere per i Diritti del Presidente della Regione Toscana Enzo Brogi (che presenterà il suo volume  "Altre direzioni: storie di ordinaria periferia" con Fulvio Colucci), dell'assessora ai diritti del Comune di Lecce Silvia Miglietta e dei sindaci di Melendugno (Marco Potì) e Gallipoli (Stefano Minerva). La due giorni si concluderà con una tavola rotonda su "Idee e buone pratiche di attivismo LGBTQI sul territorio". Il programma è ancora in costruzione e associazioni, istituzioni e singoli cittadini e cittadine possono aderire inviando una mail a info@conversazionisulfuturo.it

Dal 26 al 29 ottobre, Conversazioni sul futuro proporrà - tra teatri, centri culturali, librerie, luoghi pubblici e scuole - un articolato programma di ottanta appuntamenti che coinvolgeranno circa 200 ospiti impegnati in workshop, incontri, lezioni, concerti e dj set, presentazioni di libri, approfondimenti sull'enogastronomia, laboratori. Il Festival accoglierà, inoltre, un'anteprima della Maker Faire di Roma, il Climathon Lecce (organizzato dal Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici), Omofobi del mio stivale, Cinema sul Futuro (in collaborazione con Cineclub Universitario, Fondazione Apulia Film Commission e Corso di Laurea DAMS dell'Università del Salento), una serie di incontri dedicati al mondo dell’impresa al Sellalab, l’Officina dei bambini e delle bambine a cura di Boboto, Le Officine del Futuro, sezione di innovazione e tecnologia a cura di FabLab Lecce.  Tra gli ospiti i genitori del ricercatore Giulio Regeni e del fotografo Andy Rocchelli, Ilaria Cucchi, il danzatore  siriano palestinese Ahmad Joudeh, il medico e attivista egiziano Ahmed Said, il trapiantologo Daniele Antonio  Pinna, il designer Riccardo Falcinelli, l'art director Francesco Franchi, l'architetto Marco Rainò, gli scrittori Enrico Remmert, Christian Raimo, Leonardo Colombati e Flavia Piccinni, il bibliopatologo Guido Vitiello, i giornalisti Giuseppe Giulietti, Lirio Abbate, Carlo Bonini, Marco Damilano, Antonio Sofi, Fabio Chiusi, Giampaolo Colletti, Giuliano Foschini, Tiziana Prezzo, gli autori Stefano Andreoli (Spinoza.it) e Adelmo Monachese (Lercio.it), i registi Alessio Cremonini, Davide Barletti e Alessandro Valenti, il musicista e produttore dei Subsonica Max Casacci, l'avvocato Alessandra Ballerini, il portavoce e la coordinatrice campagne di Amnesty International Italia Riccardo Noury e Tina Marinari, il produttore discografico Claudio Poggi, il cantante Daniele Sanzone, l'esperto di resilienza e di politiche di adattamento ai cambiamenti climatici Piero Pelizzaro, lo street artist Nemo’s, il medico e saggista Silvia Bencivelli, il direttore IIT – CNR e Registro.it Domenico Laforenza, il blogger Hamilton Santià, il vice presidente Italia StartUp Antonio Perdichizzi, il giurista e scrittore Giovanni Ziccardi, il sociologo Giovanni Boccia Artieri, la linguista Vera Gheno, la presidente Associazione italiana malattia di Alzheimer Patrizia Spadin, l'ideatore e direttore scientifico di Rural Hub Alex Giordano, il cuoco contadino Peppe Zullo, il food performer Nick Difino e il gastrofilosofo Donpasta solo per fare qualche nome. Diretto da Gabriella Morelli e promosso dall'associazione Diffondere Idee di Valore, il Festival è realizzato in collaborazione con numerose associazioni, la preziosa partecipazione di volontari e volontarie, il patrocinio del Comune di Lecce e dell'Università del Salento e il sostegno di Banca Popolare Pugliese, Meltin' Pot e altri partner pubblici e privati.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata