Passa ai contenuti principali

In merito alla situazione delle aule del polo umanistico il rettore Vincenzo Zara dichiara

“Premesso che non può che farci piacere che le nostre lezioni siano molto frequentate, è chiaro che gli studenti debbano poter seguire i corsi in spazi dignitosi, senza sovraffollamento e in completa sicurezza. A questa esigenza risponde lo sforzo effettuato per approntare per l’inizio dell’anno accademico nuove aule del polo urbano e per dotare quelle preesistenti di moderne attrezzature didattiche.

Dopo la segnalazione di alcune criticità nella prima settimana di lezione, ci siamo attivati per la loro risoluzione in tempi rapidissimi. In realtà su diverse centinaia di lezioni del polo umanistico le situazioni particolarmente difficili erano tre. Queste criticità principali sono state risolte ed altre, sulle quali si concentra la nostra attenzione, sono in corso di soluzione da parte delle strutture didattiche competenti. Inoltre, sono stati risolti anche i problemi logistici che riguardavano alcuni studenti diversamente abili.
Pertanto, vogliamo rassicurare gli studenti e le loro famiglie: le aule sovraffollate sono state sostituite con aule più capienti e le lezioni frequentate da studenti diversamente abili sono state provvisoriamente spostate in aule al piano terra. Invitiamo perciò gli studenti interessati a consultare l’orario delle lezioni pubblicato sul sito delle loro facoltà.
Ulteriori ed eventuali problemi che dovessero presentarsi saranno come sempre affrontati nello spirito di ascolto ed accoglienza delle esigenze degli studenti che anima il nostro Ateneo”.


Lecce, 9/10/2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa