Passa ai contenuti principali

Galatina conferenza dei servizi Colacem il resoconto

Si è svolta questa mattina, 10 ottobre, la conferenza dei servizi Colacem presso lo stabilimento dell’azienda. Il comune di Galatina era presente con una folta delegazione che dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, tutta l’attenzione di questa amministrazione non tanto e non solo alle sorti dello stabilimento ma anche all’importante impatto ambientale che le scelte industriali inevitabilmente provocano. Era presente il sindaco Marcello Amante, gli assessori all’ambiente Cristina Dettù e ai lavori pubblici Loredana Tundo, il consigliere comunale Pierantonio De Matteis e l’architetto Nicola Miglietta.
La partecipazione del comune di Galatina, mai come questa volta, la prima dell’amministrazione Amante, è stata orientata alla tutela del territorio e della salute dei suoi cittadini. Il sindaco infatti, di concerto con gli altri sindaci presenti, ha chiesto a più riprese di eliminare le ceneri provenienti da Cerano, sia le leggere sia le pesanti (previste con due distinti codici CER tra quelle utilizzabili a norma di legge dello stabilimento) e ha puntato poi l’attenzione sul ciclo dei controlli proponendo un protocollo d’intesa tra tutte le amministrazioni comunali coinvolte e le aziende potenzialmente inquinanti del territorio, tra cui la stessa Colacem, al fine di realizzare un ulteriore monitoraggio tanto dell’aria quanto dell’acqua (a partire dalla falda acquifera). Principio di prevenzione, precauzione e rigidità nel ciclo dei controlli saranno le azioni portate avanti a fianco alla pubblicizzazione dei dati raccolti, al fine di far conoscere alla cittadinanza la situazione in tempo reale.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata