Passa ai contenuti principali

Campagna Nastro Rosa 2017 per la Prevenzione del Tumore al Seno

Nel solco del tradizionale impegno della nostra Associazione sul fronte della Prevenzione Primaria,
saranno esposti per l’occasione i dati di incidenza e mortalità per tumore del seno nel territorio salentino, aggiornati al 2014.

Dati che registrano purtroppo un’allarmante crescita di questa patologia nel Salento, che ora supera anche il dato nazionale quanto a tasso di mortalità.
Pertanto, la criticità del territorio, quanto ad epidemiologia in campo oncologico, non si limita solo ad alcune forme, ormai ben note da tempo, come il carcinoma del polmone o quello della vescica,
ma interessa anche la mammella, con un significativo incremento dei casi registrati anche nelle giovani, un tempo pressoché risparmiate dalla malattia. E’ evidente pertanto come una mutazione sia in atto.
Per questo, si impongono indagini che possano far luce sui fattori ambientali e sui nuovi stili di vita assunti dalla popolazione: fattori tutti che concorrono,
come ormai è accertato dalla letteratura scientifica sull’argomento, a determinare l’impennata di casi di tumore cui siamo costretti ad assistere.
Non a caso, l'editoriale dell’ultimo numero della nostra rivista è dedicato ad un contributo scientifico apparso di recente sull’autorevole The Lancet Oncology, ove si legge che “per abbattere il cancro,
i Governi devono identificare e agire non solo sulla suscettibilità dell’aumento del rischio ma anche garantire che le persone non siano esposte a sostanze cancerogene a causa della grave e incapace gestione ambientale”.
Ambiente e Salute sono tematiche inscindibili, interdipendenti: la qualità di vita e la salute degli organismi tutti (piante, animali, individui) dipendono fortemente dalla tutela e dalla qualità del territorio,
in termini di scelte socio-economiche e di sviluppo societario sostenibili.



Dott.ssa Marianna Burlando

Presidente LILT – Sez. Prov. di Lecce

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata