Passa ai contenuti principali

XYLELLA, DONNO (M5S): URGENTE PIANO STRATEGICO PER SETTORE OLIVICOLO

Roma, 18.09.2017 - "È di fine agosto la notizia di un piano pilota avviato dall'Assessorato all'Agricoltura, pesca e sviluppo rurale dell'Andalusia, in grado di prevenire l'evoluzione della piaga provocata dalla Xylella fastidiosa, il batterio killer degli ulivi. E mentre nel resto d'Europa si investe sulla ricerca e sull'innovazione, l'Italia sceglie deliberatamente di rimanere fanalino di coda nella lotta alle fitopatologie" afferma Daniela Donno (M5S), Capogruppo in Commissione Agricoltura e prima firmataria di un'interrogazione al riguardo, indirizzata al Ministro Martina.

"Senza un serio piano strategico e senza tecniche innovative di prevenzione per l'identificazione precoce delle piante infette, rimarremo sotto lo scacco di scelte errate. A questo punto, non ci rimane che ribadire un concetto che stiamo ripetendo da anni, vale a dire che bisogna favorire e incentivare ogni contributo sotto il profilo dell'innovazione, della sperimentazione e della ricerca, attraverso un ampliamento del confronto a diverse competenze ed esperienze a livello nazionale, europeo ed internazionale" prosegue la Senatrice pugliese.
"Agli operatori del comparto e alle aziende agricole del nostro territorio devono essere forniti strumenti, piani, tecniche e metodologie efficaci e non la fuffa che Martina continua a elargire a piene mani. Basterebbe visitare per poche ore le martoriate terre salentine per accorgersi che la situazione è gravissima. Per anni, il settore olivicolo è stato letteralmente abbandonato, non investendo sul contenimento del rischio e sulla sostenibilità del settore agrario " conclude la pentastellata.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa