Passa ai contenuti principali

XYLELLA, DONNO (M5S): URGENTE PIANO STRATEGICO PER SETTORE OLIVICOLO

Roma, 18.09.2017 - "È di fine agosto la notizia di un piano pilota avviato dall'Assessorato all'Agricoltura, pesca e sviluppo rurale dell'Andalusia, in grado di prevenire l'evoluzione della piaga provocata dalla Xylella fastidiosa, il batterio killer degli ulivi. E mentre nel resto d'Europa si investe sulla ricerca e sull'innovazione, l'Italia sceglie deliberatamente di rimanere fanalino di coda nella lotta alle fitopatologie" afferma Daniela Donno (M5S), Capogruppo in Commissione Agricoltura e prima firmataria di un'interrogazione al riguardo, indirizzata al Ministro Martina.

"Senza un serio piano strategico e senza tecniche innovative di prevenzione per l'identificazione precoce delle piante infette, rimarremo sotto lo scacco di scelte errate. A questo punto, non ci rimane che ribadire un concetto che stiamo ripetendo da anni, vale a dire che bisogna favorire e incentivare ogni contributo sotto il profilo dell'innovazione, della sperimentazione e della ricerca, attraverso un ampliamento del confronto a diverse competenze ed esperienze a livello nazionale, europeo ed internazionale" prosegue la Senatrice pugliese.
"Agli operatori del comparto e alle aziende agricole del nostro territorio devono essere forniti strumenti, piani, tecniche e metodologie efficaci e non la fuffa che Martina continua a elargire a piene mani. Basterebbe visitare per poche ore le martoriate terre salentine per accorgersi che la situazione è gravissima. Per anni, il settore olivicolo è stato letteralmente abbandonato, non investendo sul contenimento del rischio e sulla sostenibilità del settore agrario " conclude la pentastellata.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata