Passa ai contenuti principali

TRIVELLE IN SALENTO, DONNO (M5S): ENNESIMO ABUSO DEL NOSTRO TERRITORIO

Lecce, 4 settembre 2017 - "Come da copione, il Governo non si smentisce e, con la complicità degli ultimi giorni di agosto, sferra l'ennesimo attacco all'ambiente e alle nostre coste pugliesi, sempre più assalite dall'implacabile ingordigia di multinazionali senza scrupoli" così commenta la Senatrice Daniela Donno (M5S) la notizia relativa al via libera dato dal Ministero Ambiente lo scorso 31 agosto alle prospezioni con l'airgun volte a cercare idrocarburi nel mare salentino.

"Oltre al palese rischio ambientale, esiste un altro preoccupante pericolo, quello legato al profilo storico-archeologico. Lo stesso Mibact, infatti, nonostante abbia dato l'ok, tiene a specificare la necessità di sospensione immediata delle ricerche se durante le indagini sismiche dovessero spuntare sui fondali potenziali presenze archeologiche o anomalie sospette. Un atteggiamento, questo, a dir poco schizofrenico. Una volta fatto il danno, come si potranno recuperare gli eventuali reperti di pregio andati perduti?" prosegue Donno.
"Un territorio che vive di turismo non può subire una simile aggressione. Siamo stufi di queste continue intrusioni che non sono altro che il chiaro preludio di installazioni in mare e di opere senza capo né coda, TAP in primis. Intanto, la flora e la fauna marina verranno distrutte irreversibilmente mentre Emiliano sta a guardare questo disastroso e perdurante abuso del nostro paesaggio" conclude Donno.




Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 25 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa