Passa ai contenuti principali

NARDO' RIGENERAZIONE URBANA INCLUSIONE SOCIALE E CONTRASTO ALLA POVERTÀ, LA DIOCESI OFFRE L’EX ANTONIANO

La Diocesi di Nardò-Gallipoli mette a disposizione il complesso dell’ex Antoniano di via Generale Cantore manifestando così la disponibilità concreta a collaborare all’attuazione degli obiettivi della strategia della Rigenerazione urbana promossi dal Comune di Nardò. Che, infatti, ha messo in piedi un partenariato con i Comuni di Leverano e Porto Cesareo per la candidatura a una misura di finanziamento pubblico importantissima come quella dell’Asse prioritario XII Sviluppo Urbano Sostenibile Azione 12.1 Rigenerazione urbana sostenibile del P.O.R. FESR-FSE 2014-2020 e quindi ha
avviato di fatto una strategia territoriale unitaria di sviluppo. L’immobile occupa un lotto compreso tra le vie Pitagora, Leonardo Da Vinci e Generale Cantore e rappresenta un elemento architettonico rilevante, anche in considerazione alla posizione e al contesto urbano, ma attualmente è dismesso e in stato di completo abbandono. Si tratta di un contenitore che potrà essere uno snodo importante per la riqualificazione di tutto il quartiere e nel quale troveranno allocazione servizi relativi ai fabbisogni individuati dal Piano Sociale di Zona, alla inclusione sociale e al contrasto alla povertà. Il risultato che Nardò intende centrare con la Rigenerazione urbana è proprio il miglioramento duraturo delle condizioni sociali e demografiche dell’area intorno all’ex Antoniano.
Con l’avvio della consultazione e quindi degli itinerari partecipati (che danno la possibilità ai cittadini e a tutti gli stakeholders di contribuire attivamente ai processi decisionali) e con il grande lavoro dei tre Comuni sulla strategia di intervento, la candidatura al Bando sta prendendo forma e la disponibilità della Diocesi con l’immobile dell’ex Antoniano rappresenta sin qui la novità più importante per quanto riguarda Nardò.
Quella sulla Rigenerazione urbana è una partita decisiva che giochiamo per la riqualificazione di un “pezzo” di città - spiega l’assessore all’Urbanistica Ettore Tollemeto - colmando anche bisogni ed esigenze specifiche di quell’area e di tutta la comunità. Recuperare l’ex Antoniano ci consente infatti di restituire dignità architettonica, strutturale e funzionale a un profilo della città quasi dimenticato, eppure molto centrale. Ma nello stesso tempo di conseguire obiettivi estremamente importanti di carattere sociale. Il riuso di immobili pubblici abbandonati, del resto, è una strada affascinante e direi obbligata per le strategie di rigenerazione di ogni città”.
Ufficio Stampa



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata