Passa ai contenuti principali

MARCATURA CE PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE. ANCE LECCE E CONFINDUSTRIA LECCE ORGANIZZANO UN INCONTRO

E' entrato in vigore il 9 agosto 2017 il decreto legislativo n. 106 del 16
giugno 2017, che prescrive l'adeguamento della normativa nazionale alle
disposizioni del Regolamento UE n. 305/2011 in materia di marcatura CE dei
prodotti da costruzione.





Per un approfondimento dei contenuti delle nuove disposizioni Ance Lecce e
Confindustria Lecce organizzano il 14 settembre alle ore 17.00 presso la
sede sociale un seminario tecnico, nel quale relazionerà l'ingegnere Carlo
Macculi della Qualitek Srl.



D'ora in avanti, in caso di violazione degli obblighi di impiego di prodotti
da costruzione da parte di produttori dei materiali, costruttori,
progettisti, collaudatori, direttori dei lavori, la nuova normativa prevede
per tutti i soggetti coinvolti sanzioni di natura amministrativa e/o penale
particolarmente pesanti.



Diventa indispensabile, prima di procedere all'approvvigionamento dei
diversi materiali da impiegare in cantiere, verificare che il progettista
abbia indicato correttamente le caratteristiche di prestazione degli stessi
e, nel caso di materiali ricadenti nel campo di applicazione del Regolamento
UE n. 305/2011, il riferimento alla marcatura CE e alla relativa
dichiarazione di prestazione. Solo in tal modo, sarà possibile dare al
direttore dei lavori le necessarie informazioni/documentazioni per una
corretta accettazione dei materiali in cantiere.



L'Ufficio Comunicazione

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata