Passa ai contenuti principali

“IL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO NELLA SUA COMPLESSITA’ ”

Domani, sabato 16 settembre, dalle ore 8.15, a Torre del Parco, a Lecce, in programma la seconda giornata del Congresso nazionale Il paziente oncologico anziano nella sua complessità”.

L’evento è organizzato GioGer (Gruppo italiano Oncologia Geriatrica), con il patrocinio della Provincia di Lecce e di Regione Puglia, Comune di Lecce, Ordine dei medici della provincia di Lecce, Asl Lecce, Università del Salento, Dream, Ipasvi, Società italiana di gerontologia e geriatria, Ficog  patrocinato dalla Provincia di Lecce. Ufficio Stampa Provincia di Lecce
(Federation of italian cooperative oncology group), Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) e Aiom Puglia, Goim (Gruppo oncologico dell’Italia meridionale), Ares Puglia, Sico, Associazione italiana radioterapia oncologica.
Presidente del Congresso, rivolto a medici oncologi e a tutti i medici, chirurghi ed operatori sanitari, che nel loro quotidiano si occupano anche di pazienti anziani, è la responsabile della Struttura semplice di Oncologia Geriatrica dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce Silvana Leo, nonché presidente nazionale GioGer. Il comitato scientifico è composto dai membri del Consiglio direttivo GioGer, mentre quello organizzatore da Silvana Leo, Caterina Accettura, Alessandra Pepe e Valeria Saracino.

Durante i lavori porteranno il loro contributo medici esperti nell’ambito dell’Oncologia Geriatrica, che operano in campo nazionale ed internazionale.

“In Italia sono oltre 150mila le nuove diagnosi oncologiche ogni anno e circa un malato oncologico su tre ha più di 75 anni”, spiega la dottoressa Silvana Leo. “Nel contesto del convegno saranno affrontate le problematiche in oncologia geriatrica: perché l’Oncogeriatria? Le nuove terapie, l’immunosenescenza, la necessità di un adeguato modello organizzativo, l’invecchiamento attivo, l’anziano e le istituzioni, i medici di medicina generale, i piani socio-sanitari regionali. Le novità scientifiche quanto possono esser trasferite nella pratica clinica nel trattare il paziente anziano fragile? I pilastri della terapia di supporto, il sostegno psicologico, le associazioni di volontariato ci aiutano a curare gli anziani nel rispetto dell’etica? Illustri esperti cercheranno di dare delle risposte a questi quesiti”.

Oltre 100 oncologi, tra cui Ludovico Balducci da Tampa in Florida, a confronto nel V Congresso nazionale Il paziente oncologico anziano nella sua complessità”, che si aprirà domani, venerdì 15 settembre alle ore 8.30, e proseguirà sabato 16 settembre, a Torre del Parco, a Lecce.

L’evento è organizzato GioGer (Gruppo italiano Oncologia Geriatrica), con il patrocinio della Provincia di Lecce e di Regione Puglia, Comune di Lecce, Ordine dei medici della provincia di Lecce, Asl Lecce, Università del Salento, Dream, Ipasvi, Società italiana di gerontologia e geriatria, Ficog (Federation of italian cooperative oncology group), Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) e Aiom Puglia, Goim (Gruppo oncologico dell’Italia meridionale), Ares Puglia, Sico, Associazione italiana radioterapia oncologica.
Presidente del Congresso, rivolto a medici oncologi e a tutti i medici, chirurghi ed operatori sanitari, che nel loro quotidiano si occupano anche di pazienti anziani, è la responsabile della Struttura semplice di Oncologia Geriatrica dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce Silvana Leo, nonché presidente nazionale GioGer. Il comitato scientifico è composto dai membri del Consiglio direttivo GioGer, mentre quello organizzatore da Silvana Leo, Caterina Accettura, Alessandra Pepe e Valeria Saracino.

Durante i lavori porteranno il loro contributo medici esperti nell’ambito dell’Oncologia Geriatrica, che operano in campo nazionale ed internazionale.

“In Italia sono oltre 150mila le nuove diagnosi oncologiche ogni anno e circa un malato oncologico su tre ha più di 75 anni”, spiega la dottoressa Silvana Leo. “Nel contesto del convegno saranno affrontate le problematiche in oncologia geriatrica: perché l’Oncogeriatria? Le nuove terapie, l’immunosenescenza, la necessità di un adeguato modello organizzativo, l’invecchiamento attivo, l’anziano e le istituzioni, i medici di medicina generale, i piani socio-sanitari regionali. Le novità scientifiche quanto possono esser trasferite nella pratica clinica nel trattare il paziente anziano fragile? I pilastri della terapia di supporto, il sostegno psicologico, le associazioni di volontariato ci aiutano a curare gli anziani nel rispetto dell’etica? Illustri esperti cercheranno di dare delle risposte a questi quesiti”.

Lecce, 14 settembre 2017





Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Marzo 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina un cittadino si domanda le centraline per il controllo dell'aria che fine hanno fatto?

Salve, sono un semplice cittadino di Galatina Lecce. Prima dell'insediamento dell'Amministrazione Amante,si parla in campagna elettoriale di dislocare centraline dell'aria. Dove stanno? Scusate io,non le vedo.