Passa ai contenuti principali

Galatina Servizio Civile Nazionale progetto “MONITOR 4015”

Riprendono le attività di comunicazione e sensibilizzazione ambientale da parte dei volontari del Servizio Civile Nazionale progetto “MONITOR 4015”.
Nei successivi tre mesi i volontari svolgeranno presso poli scolastici e sul territorio comunale le seguenti attività:

  • LABORATORIO PER IL MONITORAGGIO DELL’ARIA: far conoscere il ciclo dell’aria (dall’atmosfera ai polmoni) descrivendo gli agenti inquinanti presenti in essa; aumentare nei ragazzi la consapevolezza dell’importanza della biodiversità, accrescendo negli stessi il senso di responsabilità nell’utilizzo di mezzi alternativi quali l’autobus e la biciletta; sviluppare principi di cittadinanza attiva.
  • BIMBI IN BICI: Sensibilizzare i bambini, i genitori e gli insegnanti all’uso quotidiano della bici come mezzo di trasporto più sano ed ecologico.
  • COMUNICAZIONE A CALDO: Iniziativa ambientale sui rifiuti e la loro corretta gestione. Tale iniziativa verrà svolta attraverso “comunicazione a caldo” ovvero comunicazione alle utenze tramite contatti “porta a porta”. Nei mesi di settembre e ottobre, i giorni lunedì, mercoledì e venerdì i volontari svolgeranno l’attività di comunicazione sui rifiuti e la loro gestione nella città di Galatina.
  • INQUINAMENTO INDOOR: Migliorare la qualità dell’aria nei luoghi nei quali si svolgono attività di studio e/o conviviali, di svago e/o riposo.

I volontari
Scn – Monitor 4015


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata