Passa ai contenuti principali

Galatina Servizio Civile Nazionale – progetto “In Reading” riparte dopo l'estate

Dopo una lunga estate, si riparte con le attività!
Nel mese di settembre le volontarie del Servizio Civile Nazionale – progetto “In Reading” hanno effettuato due incursioni letterarie presso il mercato settimanale di Galatina con lo scopo di interrompere per un momento la vita frenetica della quotidianità e lasciare una traccia nella mente di chi ascolta.
Il 22 settembre dalle ore 9.00 alle 11.00, in occasione della Sesta Giornata Nazionale delle Biblioteche, promossa dall’Associazione Italiana Biblioteche (AIB), la Biblioteca comunale “Pietro Siciliani”, la società Libermedia e le volontarie del Scn – In Reading 2015, hanno organizzato l’incontro “Favole dal mondo”.

La Giornata Nazionale delle Biblioteche è stata dedicata al tema dell’accessibilità e dell’accoglienza. Favole in lingua originale, selezionate dal nostro personale, lette in madrelingua e simultaneamente tradotte in italiano dalle operatrici della biblioteca.
A seguire si è tenuto un laboratorio dove i bambini hanno potuto apprendere in un’altra lingua il loro nome e alcune frasi di saluto e accoglienza.
Inoltre, si riparte con le visite guidate all’interno della biblioteca e la promozione della lettura e del Scn nelle scuole.
…To be continued!

Le volontarie
Scn – In Reading 2015

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata