Passa ai contenuti principali

Galatina Giancarlo Ruscitti, ha fatto visita al nosocomio galatinese.

Nella mattinata di oggi, 18 settembre, così come concordato nell’incontro del 9 agosto, il Direttore del Dipartimento delle Politiche della Salute e benessere sociale della Regione Puglia, Giancarlo Ruscitti, ha fatto visita al nosocomio galatinese.
Accompagnato dal Direttore sanitario dell’ASL Lecce, Dott. Antonio Sanguedolce, dalla Dott.ssa
Antonella Caroli responsabile del servizio strategie e governo dell’assistenza ospedaliera della Regione, dal Sindaco di Galatina Dott. Marcello Amante e sotto la guida del Direttore Sanitario dell’Ospedale di Galatina, Dott. Giuseppe De Maria, il Direttore Ruscitti ha visitato gran parte dei reparti soffermandosi ad ascoltare le istanze di operatori e medici.
Al termine della visita, in un confronto aperto e concreto con il Sindaco Amante, il Dott. Ruscitti, pur confermando l’impostazione regionale che mira ad una rimodulazione dell’offerta sanitaria che possa offrire “qualità” più che quantità, ha assicurato il Sindaco che la Regione non metterà in atto alcun provvedimento che possa in qualche misura limitare la possibilità di cura dei salentini. A tal proposito ha anche assicurato che ogni azione strutturale sarà possibile solo dopo che i lavori dell’Ospedale "Vito Fazzi" saranno completati e che lo stesso offra ampie garanzie di poter assorbire la maggiore utenza che deriverà dalle previste dismissioni.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa