Passa ai contenuti principali

FIPRONIL NELLE UOVA, DONNO (M5S): MAI PIÙ VELENI NEGLI ALIMENTI

Roma, 14.09.2017 - "Sono passati diversi giorni dal primo allarme di Fipronil nelle uova, ma la situazione non sembra migliorare. L'allarme resta, così come la preoccupazione di milioni di consumatori, costretti ad una involontaria roulette russa ogni volta che acquistano dei prodotti da mettere in tavola. Ora più che mai va inasprita la normativa e il connesso apparato sanzionatorio in materia di sicurezza alimentare, affinché questa "guerra dei veleni" trovi un adeguato contrasto" così afferma la Senatrice Daniela Donno (M5S),
Capogruppo in Commissione Agricoltura e prima firmataria di un'interrogazione sul tema indirizzata ai Ministri Martina e Lorenzin.
"Chiediamo un immediato miglioramento del sistema di condivisione e diffusione delle informazioni sui rischi alimentari, sia a livello nazionale, sia a livello europeo. I cittadini devono essere messi a conoscenza di quello che sta accadendo oltre i banchi del supermercato. Per questo esigiamo che venga diffuso ogni risultato relativo ai piani di controllo e di campionamento straordinario previsti dalle Autorità, oltre che i singoli dati sugli allevamenti posti sotto sequestro" prosegue Donno.

"In queste fasi è fondamentale garantire aggiornamenti continui sulle procedure di ritrovamento, identificazione e blocco delle partite contaminate presenti sul territorio nazionale. Maggiore sarà la portata divulgativa e maggiori saranno le possibilità di salvare tantissimi adulti, anziani e bambini dal pericolo di intossicazione. L'industria delle uova e derivati è totalmente provata, il Governo si dia da fare per scongiurare ulteriori vergognose conseguenze" conclude Donno.

Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa