Passa ai contenuti principali

“ECONOMIA CIRCOLARE E INNOVAZIONE AGROALIMENTARE”

 “Economia circolare e innovazione del settore agroalimentare”: è questo il tema dell’importante convegno in programma domani, mercoledì 13 settembre, a partire dalle ore 16, presso il Teatro Garibaldi di Bisceglie.

L’appuntamento di studi, che rientra nell’ambito del congresso internazionale di economisti agrari “Strategie cooperative e creazione del valore in una filiera alimentare e sostenibile”, organizzato dal Dipartimento di Economia dell’Università di Foggia, gode del patrocinio della Provincia di Lecce.


A discutere sul tema interverranno importanti operatori del settore agroalimentare e dell’associazionismo sociale.

Oltre alla Provincia, l’evento di studi è patrocinato da Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Province Bat, Brindisi, Foggia, Comune di Bisceglie, Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia e GAL Ponte Lama.

Le informazioni ed il programma del convegno di studio sono disponibili all’indirizzo www.sidea-siea2017.com

Lecce, 12 settembre 2017


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata