Passa ai contenuti principali

DOMANI 10/9 ALLA FIERA DEL LEVANTE IL DOSSIER SU ‘LE MANI DELL'AGROMAFIA NEL PIATTO DEI PUGLIESI’

L’agroalimentare pugliese rappresenta un terreno privilegiato di investimento della malavita con un pericoloso impatto non solo sul tessuto economico, ma anche sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.

Nel corso del convegno organizzato da Coldiretti Puglia e dall’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare ci sarà un confronto su come ‘Nutrire la legalità per la tutela dei beni comuni’ domani, domenica 10 settembre 2017, alle ore 10,00, nella sala 8 della Fiera del Levante. Sarà presentato il dossier su ‘Le mani dell'agromafia nel piatto dei pugliesi’.


I lavori saranno introdotti dal Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele e coordinati da Andrea Baldanza, consigliere della Corte dei Conti, al quale seguiranno gli interventi di Gian Carlo Caselli, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, Enrico Scoditti, consigliere della Corte di Cassazione, Leonardo Di Gioia, Assessore Risorse Agroalimentari Regione Puglia, Antonio Decaro, Presidente ANCI. La sintesi sulle attività di contrasto alla criminalità sul territorio regionale sarà del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.
Le conclusioni saranno del Presidente Nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo.


Bari, 9 settembre 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 25 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa