Passa ai contenuti principali

CTONFEST FESTIVAL DEL PAESAGGIO

La seconda edizione della manifestazione ideata, progettata e realizzata dall’associazione Prendi Posizione propone due giorni di dibattiti, incontri, mostre, workshop, proiezioni e concerti con oltre 50 ospiti coinvolti e percorsi enogastronomici in collaborazione con La Terra Nutre. Tra gli ospiti Rossano Ercolini (Movimento Rifiuti Zero), Attilio Tornavacca (Direttore generale Esper), l’ex sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, Luca Fioretti (Fondatore Associazione Comuni Virtuosi), Agostino di Ciaula (Medici per l’ambiente), Vincenzo Mercinelli (Accademia Mediterranea di Economia Civile), i sindaci di Lecce e Bari, Carlo Salvemini e Antonio De Caro, il direttore del “Nuovo Quotidiano di Puglia” Claudio Scamardella e altri giornalisti, studiosi del paesaggio, docenti universitari, amministratori pubblici, attivisti dei comitati a tutela del paesaggio e dell’ambiente. 

Dibattiti, incontri, mostre, workshop, proiezioni e concerti, oltre 50 ospiti coinvolti e percorsi enogastronomici in collaborazione con La Terra Nutre: sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre il Castello de’ Monti di Corigliano d’Otranto, in provincia di Lecce, ospita la seconda edizione di “CTONFest – Festival del Paesaggio”.

Si tratta di una due giorni di discussioni pensata per condividere idee, visioni e proposte indirizzate alla tutela dell’ambiente e al rispetto del territorio. Ideato, progettato e realizzato dall’associazione Prendi Posizione, il festival affronterà il tema del rapporto tra uomo e natura provando a ribaltarne l’attuale relazione, che vede l’uomo al centro e non parte integrante dell’ecosistema che abita. Questo cambio di prospettiva ha ripercussioni di natura giuridica, filosofica, scientifica, artistica, politica e amministrativa e apre uno spazio vastissimo di proposta nel quale CTONfest si colloca per scelta. Il festival è uno spazio di partecipazione concreto, aperto al confronto e alle complessità del presente.

Il programma prenderà il via sabato 30 settembre alle 9.30 con i saluti di Alessandro De Matteis (Presidente Associazione Prendi Posizione), l'inaugurazione della mostra fotografica "Ulivi e Paesaggi ai tempi della Xylella" a cura di Emilio Nicolì, l'avvio di SoundWall, workshop in ecologia del suono a cura di Francesco Giannico, e "Paesaggi animati (il cinema e il paesaggio)", proiezioni a cura di Francesco Blasi, che accompagneranno tutto il festival. Dalle 10 il primo incontro sulla Riscoperta delle comunità tra la riqualificazione dei paesaggi culturali ed i conflitti. Si discuterà del Caso Sarparea con Raffaele Onorato (Comitato Salviamo la Sarparea), Nicola Grasso (Docente di Diritto costituzionale e legislazione dei beni culturali dell'Università del Salento), Lucio Tarricone (Associazione Centro Studi Salento Nuovo) e Lorenzo Siciliano (Consigliere Comunale di Nardò) che coordinerà i lavori. A seguire gli architetti Francesco Baratti e Luigi Nicolardi parleranno invece di "Ecomusei". Dalle 12 si affronterà il tema "Biodiversità: l’armonia con la natura e il senso dei luoghi" con Mauro Lazzari (Parco dei Paduli), Daniele Sperti (Cooperativa Terra Rossa) e Serena Baldin (Docente di Diritto Pubblico Comparato dell'Università di Trieste) coordinati dall'agronomo Sergio Falconieri. Dopo una pausa i lavori riprenderanno alle 17 con "Demodiversità" con la partecipazione di Luigi Pellizzoni (Docente di Sociologia dell’Ambiente e del Territorio dell'Università di Pisa) e Michele Carducci (Docente di Politiche costituzionali comparate dellUniversità del Salento) che si confronteranno con Giacomo Cazzato. Dalle 18.30 appuntamento, coordinato da Raffaele Cesari con "La gestione dei rifiuti" con Rossano Ercolini (Movimento Rifiuti Zero) e Attilio Tornavacca (Direttore generale Esper - Ente di Studio per la Pianificazione Ecosostenibile dei Rifiuti). L'ultimo incontro della giornata dalle 19.45 vedrà il confronto, moderato dal giornalista di La7 Danilo Lupo, su "La città e i suoi paesaggi: decidere dell’ambiente" con Carlo Salvemini (Sindaco di Lecce), Antonio De Caro (Sindaco di Bari e Presidente Anci) e Pia Verderosa (Giudice del Tribunale di Lecce). Dalle 21.15 appuntamento con lo spettacolo "Terra, pane e lavoro - Canti contadini d’amore e di lotta" del fisarmonicista Rocco Nigro affiancato sul palco da Antonio Castrignanò, Rachele Andrioli, Emanuele Licci, Dario Muci.

La giornata finale partirà alle 10 con "La valutazione dell’ambiente e la potestà regolamentare" con Luca Fioretti (Fondatore Associazione Comuni Virtuosi), Luca Menesini (Sindaco di Capannori e Presidente della Provincia di Lucca), Nevio Zaccarelli (Assessore all’Ambiente del Comune di Forlì) e Michele Macrì che coordinerà i lavori. Dalle 11 il giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno Fabio Casilli intervisterà Rita Miglietta (architetta e assessora alle Politiche urbanistiche e strategiche, Rigenerazione urbana, Marine, Innovazione sociale, Verde pubblico, Social Housing, Edilizia Privata, Valorizzazione del patrimonio pubblico del Comune di Lecce) su "Lecce è il suo mare: progetto di rigenerazione urbana per il recupero delle marine leccesi". Dalle 13 pranzo sociale dell'associazione. Dalle 16.30, con il coordinamento di Roberto Schiavone, Agostino di Ciaula (Medici per l’ambiente), Antonio Chiga (Sindaco di Zollino), Dina Manti (Sindaca di Corigliano d’Otranto) e Marcello Amante (Sindaco di Galatina) discuteranno del "Caso Colacem" con Tiziana Colluto, giornalista di TrNews e Il Fatto Quotidiano. Dalle 17.30 si parlerà di "Economia relazionale" con Vincenzo Mercinelli (Accademia Mediterranea di Economia Civile) e Guglielmo Forges Davanzati (Docente di Storia dell’analisi economica dell'Università del Salento) sollecitati da Emanuele Rizzello. Dalle 18.30 invece Claudio Scamardella (Direttore del “Nuovo Quotidiano di Puglia”) modererà l'incontro "La terra come perdita e come riconoscimenti" con Giusi Nicolini (già sindaco Lampedusa, segreteria nazionale Partito Democratico) e Anna Caputo (Presidente Arci Lecce) coordinato da Adalina Coluccello. Dalle 19.30 incontro di chiusura, moderato da Gabriele De Giorgi (giornalista LeccePrima.it e SalentoReview) sul Salento e i suoi Paesaggi con il consigliere regionale Sergio Blasi e Alessandro de Matteis. Dalle 21 il festival si concluderà in musica con il concerto itinerante per le strade di Corigliano d’Otranto e sulle terrazze del Castello della BeDixie e la presentazione del cd d'esordio dei Cantori della Giurdana.

Nel corso del CtonFest le sale e le terrazze del Castello ospiteranno La terra nutre, una grande festa per promuovere la cultura del territorio attraverso il cibo, organizzata da numerose aziende agroalimentari e vitivinicole del territorio. Una piccola fiera-mercato con stand dei produttori, delle masserie e degli agriturismi locali. Un ampio spazio di degustazione, a disposizione dei partecipanti al festival, per un articolato percorso esperenziale dove il cibo, la sua produzione, la sua trasformazione e la qualità delle materie prime diventano racconto e scoperta di una comunità e di un territorio. La Terra Nutre intende valorizzare la ricchezza e la tipicità del territorio promuovendo le produzioni e la professionalità degli operatori del settore; cibo, cultura e territorio, tre elementi fortemente connessi che rappresentano un’occasione di conoscenza e di incontro per tutti.

La prima giornata accoglierà anche Soundwall a cura di Francesco Giannico. Non è solo un workshop in ecologia del suono ma un processo creativo composito che mira a far conoscere il paesaggio sonoro all’interno delle mura del castello di Corigliano d’Otranto e del perimetro esterno mediante la realizzazione di una di un’installazione e di una performance elettroacustica. Francesco Giannico è un musicista elettroacustico, co-fondatore dell’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori e dell’etichetta ambient Oak Editions. Laureato in musicologia e specializzatosi in design e new media, si occupa da anni di ricerca sul suono e le relazioni umane.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa