Passa ai contenuti principali

Corso per la Certificazione di Sostenibilità Ambientale degli edifici

Sarà avviato a Lecce, nella mattinata di martedì 26 settembre, il primo Corso per la Certificazione di Sostenibilità Ambientale degli edifici – Protocollo ITACA per la Regione Puglia, organizzato dal Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della provincia di Lecce in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento.
La proposta, presentata in Regione, prevede un percorso formativo suddiviso in due fasi: un primo corso di certificazione energetica degli edifici (sono automaticamente riconosciuti i corsi da 64 ore o 80 ore già sostenuti e conformi al DPR 75/2013) a cui segue un corso integrativo per la Sostenibilità Ambientale degli edifici pari a 52 ore. Pertanto, il Corso è rivolto a chi ha già frequentato e sostenuto con esito positivo un corso di formazione in materia di certificazione energetica degli edifici.

“Questo corso offre notevoli opportunità di lavoro – sottolinea il responsabile scientifico, professor Paolo Maria Congedo, docente presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione di UniSalento - poiché con la Certificazione di Sostenibilità Ambientale degli edifici secondo il Protocollo Itaca, è possibile accedere a premialità volumetriche del 10% sino ad un massimo del 15% se unito a quanto previsto dall’art.12 del D.L 28/2011 e ad una riduzione degli oneri di urbanizzazione secondaria e dei costi di costruzione”.
Tale corso si inserisce nell’ambito della convenzione siglata tra il Collegio Geometri di Lecce e l'Università del Salento - Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione, per la realizzazione di percorsi di aggiornamento a beneficio degli iscritti all'albo professionale. “La convenzione – rimarca il presidente del Collegio Geometri di Lecce, Eugenio Rizzo - è finalizzata alla qualificazione scientifica della figura del geometra nei diversi ambiti di competenza: edilizia, urbanistica, sicurezza nei cantieri e sostenibilità ambientale. L'iniziativa è stata la prima del genere in Puglia per creare un canale privilegiato di collaborazione tra geometri e Università in tema di formazione professionale”.
Il responsabile scientifico della convenzione e del corso è il prof. Ing. Paolo Maria Congedo che, con l’ausilio degli ingegneri Cristina Baglivo e Maria Malvoni, svolgerà le lezioni frontali ed un’ampia esercitazione pratica con il foglio di calcolo messo a disposizione dalla Regione Puglia ed altri software a supporto.
Gli stessi docenti avvieranno, nel pomeriggio dello stesso giorno, un corso di aggiornamento di 20 ore, con lezioni frontali ed esercitazioni con il software, per i certificatori energetici abilitati precedentemente all’entrata in vigore del DPR 75/2013. Infatti, come richiesto dalla Regione Puglia, i certificatori che hanno già svolto il corso di formazione in materia di certificazione energetica degli edifici, sia da 64 ore che da 80, precedentemente al DPR 75/2013, necessitano di un corso di aggiornamento di almeno 10 ore per il recepimento delle modifiche introdotte, da svolgersi entro un anno dalla data di entrata in vigore del D.R. 36/2016 del 5/12/2016. Pertanto, questo corso consentirà a tutti i certificatori abilitati di essere iscritti nell’elenco della Regione Puglia.

Le lezioni si svolgeranno presso la sede del Collegio Geometri di Lecce, in via Duca degli Abruzzi, 49

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa