Passa ai contenuti principali

TAP: DONNO (M5S), PATETICA LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA LANCIATA DALLA MULTINAZIONALE

Roma, 2.08.2017 - "La campagna pubblicitaria avviata da TAP sulla bontà di questa scellerata opera, è semplicemente patetica. Così come è patetico il fatto che abbiano coniato per l'occasione l'hashtag #parliamoneinsieme. Di cosa esattamente vogliono parlare, se le opportunità di dialogo e di confronto le hanno fatte reprimere a suon di manganellate?" lo afferma in una nota la Senatrice salentina Daniela Donno del MoVimento 5 stelle.

"Mentre TAP spende e spande soldi per tappezzare la Puglia con manifesti pubblicitari che non hanno né capo né coda, l'economia locale registra danni incalcolabili - prosegue -. È inutile ribadire che molte persone che avevano in programma di trascorrere le vacanze in Salento hanno cambiato idea, perché intimorite dalle ripercussioni ambientali legate alla realizzazione del metanodotto. Dunque, per quanto TAP si premuri di dire che va tutto bene, la realtà è un'altra e lo stiamo scontando a caro prezzo".




Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica
 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata