Passa ai contenuti principali

“SE’-MENTI IN FESTA”: AL VIA DOMANI A MARITTIMA IL FESTIVAL DEL COMMERCIO EQUO-SOLIDALE

Domani, giovedì 3 agosto a partire dalle 21, piazza Principe Umberto, nel cuore di Marittima (frazione del Comune di Diso), ospiterà la seconda edizione di “Sè-Menti in Festa”, il Festival del Commercio Equo-Solidale e Sociale del Salento, organizzato dalla Bottega Equo-Solidale di Marittima, in collaborazione con il Comune di Diso e con il patrocinio della Provincia di Lecce.


L’evento, presentato nei giorni scorsi a Palazzo Adorno a Lecce dal presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e dal vice direttore generale con delega agli eventi della Bottega Equo-Solidale Francesco Casciaro, punta a sensibilizzare verso il consumo critico, il commercio sostenibile, la tutela dell’ambiente e dei piccoli produttori e, al tempo stesso, a valorizzare la storia di Marittima con i suoi monumenti e le sue opere d’arte.

Il programma, infatti, prevede l’allestimento di più di sette stand sui prodotti e sugli articoli del commercio equo-solidale e sociale (alimentari, artigianato, abbigliamento, cosmesi) e sei percorsi culturali itineranti (Griko salentino con Silvano Palamà e Rocco De Santis; monumenti e storia di Marittima; scultura; tele del ‘700 della Chiesa Madre; spezie del mondo). In cartellone anche degustazioni, tavole rotonde, dialoghi tra esperti e il concerto finale dei Green Soul.

Lecce, 2 agosto 2017





Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata