Passa ai contenuti principali

Raccolta firme contro vaccini obbligatori, firmano centinaia di pugliesi.

Il 7 giugno 2017 è stato pubblicato in G.U. il Decreto-Legge n.73/2017 contenente le “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”, con il quale è resa obbligatoria per i minori fino ai sedici anni, salvo esonero, la vaccinazione per 12 malattie.
In seguito a successive revisioni sono attualmente previste 10 vaccinazioni obbligatorie.
Suddetto Decreto impone l’esclusione dei bambini non vaccinati o parzialmente vaccinati dai servizi educativi per l’infanzia e le scuole dell’infanzia.

Il Decreto viola gli artt. 32 e 77 della Costituzione in relazione, rispettivamente, alla tutela della salute nel rispetto dei limiti della persona umana e all’assenza dei requisiti di “straordinaria necessità ed urgenza”.
Le reazioni avverse anche gravi ai vaccini e i danni permanenti sono sempre più numerosi: centinaia di sentenze definitive hanno riconosciuto un nesso causale tra vaccini e gravi patologie (Corte di Cassazione ord. N. 17027 del 10 luglio 2017, Corte di Cassazione ord. n. 15395 del 21 giugno 2017, Corte di Cassazione ord. n.12491 del 18 maggio 2017, Corte di Cassazione ord. 2684 del 1 febbraio 2017).
Con la seguente raccolta firme, i Genitori per la Libera Scelta Puglia, chiedono che il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sia promotore di un ricorso in Corte Costituzionale a tutela dei cittadini pugliesi, del principio di autodeterminazione nelle scelte sanitarie (art. 32 Cost.) e delle competenze regionali in materia di tutela della salute previste dall’art.117 della Costituzione.


Il link alla petizione: https://www.petizioni24.com/raccolta_firme_in_opposizione_al_dl_lorenzin_sullobbligo_vaccinal


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa