Passa ai contenuti principali

Notte della Taranta ospite Gregory Porter

Ci sarà anche la star del jazz Gregory Porter tra gli ospiti della ventesima edizione de La Notte della Taranta. Tra i principali protagonisti della nuova scena jazz-soul americana, vincitore  sia quest’anno del Grammy come Best Jazz Vocal Album  con  “Take Me to the Alley”,  che nel 2014 per Liquid Spirit, Porter,  interpreterà i brani della tradizione musicale salentina selezionati dal maestro concertatore Raphael Gualazzi. Il baritono che coniuga la purezza del jazz al calore del blues, canterà Quandu te llai
la facce la matina, canzone in dialetto leccese musicata riprendendo una poesia popolare incisa per la prima volta dal tenore leccese Tito Schipa nel 1921 a New York e Pizzica di Aradeo. Classe 1971, cresciuto  a Bakersfield (California) Gregory Porter, dopo una breve carriera nel football interretta da un infortunio,  si dedica alla musica tra band, cori gospel e musical e nel 2010 l’etichetta di culto Motèma produce i primi due album Water e Be Good. Nel 2013, il passaggio all’etichetta Blue Note con la produzione dell’album “Liquid Spirit” segna la consacrazione di Gregory Porter nel pantheon del jazz.
Nel  suo nuovo album Take me to the Alley, del 2016, sempre per Blue Note, la tradizione incontra la contaminazione, con la voglia di esplorare, di dialogare con un mondo non solo di puristi del jazz. Da qui la scelta artistica di ospitare  il vincitore del Grammy Award 2017 nel Concertone di Melpignano che celebra i suoi primi 20 anni di incontro tra pizzica di tradizione e sonorità del mondo.  
Un viaggio musicale che ospiterà anche Suzanne VegaYael Deckelbaum, Pedrito Martinez, Gerry Leonard e Tim Ries sul palco del Concertone il 26 agosto a Melpignano (LE).


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata