Passa ai contenuti principali

Nardo' Illuminazione votiva presso il Cimitero Comunale. Si va verso la revoca della convenzione

Dopo quasi un secolo si avvia ad un profondo cambiamento la gestione del servizio di illuminazione votiva nel cimitero di Nardò. La giunta comunale ha deliberato un atto con il quale, dopo un lungo e articolato procedimento, si da incarico al dirigente dell'Area Funzionale 1 di adottare tutti gli atti dirigenziali ed i provvedimenti necessari per la revoca della convenzione che, dal 1990, regola i rapporti tra la ditta Borgia e l'amministrazione comunale.


“Dopo un lungo procedimento, articolato attraverso una serie di verifiche e inviti ad adempiere – spiega il Sindaco Pippi Mellone - a riprova che nessuna attività persecutoria era rivolta alla Ditta Borgia ma che ogni azione era ed è indirizzata a tutela dell'utenza, abbiamo preso questo provvedimento che rappresenta la fine di un monopolio lungo quasi un secolo”.

L'amministrazione attraverso i suoi tecnici, a seguito di un sopralluogo effettuato nel marzo scorso, ha riscontrato gravi inadempimenti contrattuali relativi agli impianti di illuminazione votiva, che sono stati prontamente segnalati alla ditta Borgia, con particolare riferimento allo stato di manutenzione e di conservazione degli impianti, giudicata “carente” nella parte più antica del Cimitero Comunale. Ma non solo. I tecnici hanno anche riscontrato la realizzazione di derivazioni dalle dorsali principali eseguite in condizioni di “oggettiva precarietà” e in assenza delle prescrizioni prescritte.

“Uno stato dei fatti increscioso e preoccupante – ha aggiunto il sindaco – che ci ha spinti ad accelerare il cronoprogramma dei nostri interventi. Così come promesso agli elettori – ha concluso Mellone – era nostra intenzione procedere con ogni mezzo per la riduzione dei costi pagati dall'utenza finale e, per fare questo, abbiamo proceduto innanzitutto ad una stima del numero di utenze. L'attività sul campo ci ha portati però ad una presa d'atto disarmante, accertando i gravi inadempimenti tecnici in cui è incorsa la ditta. Ora lavoreremo da subito per garantire la fornitura del servizio ad un costo molto più basso ed in linea con altre realtà”.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa