Passa ai contenuti principali

Nardo' 1° Calcio balilla umano” piazza Salandra: 5-6-7 settembre

Un evento innovativo e divertente: a Nardò arriva il “1° Calcio balilla umano”! In piazza Salandra, nel cuore
del centro storico neretino, verrà allestito un campo da gioco nei giorni 5, 6 ed eventualmente (a seconda del numero
delle squadre iscritte) 7 settembre 2017. Come il biliardino simulava una partita di calcio, il calcio balilla
umano simula una partita di biliardino: il campo è attraversato trasversalmente dalle stecche e i giocatori
dovranno tenersi saldamente aggrappati ad esse, con l'obbligo di non staccare mai le mani. Si giocherà
con una
palla in gomma e non sarà previsto contatto fisico.
Si prevedono due distinte fasce d’età: senior (dai 16 anni compiuti in su) e under (da un minimo di 10 anni compiuti
ad un massimo di 15 anni). Le squadre possono essere liberamente composte da soli uomini, sole donne o
miste. Il numero delle squadre partecipanti è stabilito in un massimo di 32, ognuna composta da un massimo di 8
giocatori. Ogni squadra può avere in campo 6 giocatori. Il termine ultimo per le iscrizioni è fissato per il 28
agosto 2017; per info, regolamento e modulo di adesione: 340/7874258 (Tony) e 329/0386305 (Lorenzo).
Tanti premi per tutti! Trofeo e cena offerta alla squadra prima classificata, premio di partecipazione per tutte le
squadre iscritte, gadget e magliette da gioco (che resteranno ai partecipanti come ricordo della manifestazione)
per ogni singolo giocatore.
Il “1° Calcio balilla umano” è organizzato da Asc (Associazioni sportive confederate) in collaborazione con
Antonio Tondo (consigliere comunale delegato allo Sport), l’associazione “J Nardò Bianconera” del presidente
Tony De Paola e del vice presidente Tiziano De Pirro, e il giornalista Lorenzo Falangone. L’evento è patrocinato

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa