Passa ai contenuti principali

Il cece di Nardò, legume di particolare squisitezza, entra nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali (Pat)

Il cece di Nardò, legume di particolare squisitezza, entra nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali (Pat) riconosciuti dall’Unione europea. Si tratta di una lista di prodotti che per tradizione e genuinità meritano di essere diffusi e conosciuti e che sono il segno tangibile della nostra tradizione in termini di sapori e saperi. Non a caso, le oltre cinquemila specificità locali ricomprese nell’elenco dei Pat sono state riconosciute “espressione del patrimonio culturale italiano”. La
filiera “Food” di Laica (associazione di imprese e professionisti con sede a Lecce) ha curato l’istruttoria presso gli uffici regionali dell’iter per il riconoscimento, in collaborazione con l’associazione Verdesalis e con l’esperto e gastronomo Massimo Vaglio.
Domani, martedì 8 agosto, è in programma alle ore 16:30 a Palazzo Personè, una conferenza stampa per informare su questa importante novità per il territorio e per dare risalto all’ennesimo prodotto salentino che va arricchire il patrimonio nazionale delle tipicità agroalimentari codificate. Interverranno il sindaco Pippi Mellone, il presidente di Laica Roberto Fatano, il responsabile della filiera “Food” di Laica Davide Montefrancesco e l’esperto Massimo Vaglio.
Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata