Passa ai contenuti principali

Il cece di Nardò, legume di particolare squisitezza, entra nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali (Pat)

Il cece di Nardò, legume di particolare squisitezza, entra nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali (Pat) riconosciuti dall’Unione europea. Si tratta di una lista di prodotti che per tradizione e genuinità meritano di essere diffusi e conosciuti e che sono il segno tangibile della nostra tradizione in termini di sapori e saperi. Non a caso, le oltre cinquemila specificità locali ricomprese nell’elenco dei Pat sono state riconosciute “espressione del patrimonio culturale italiano”. La
filiera “Food” di Laica (associazione di imprese e professionisti con sede a Lecce) ha curato l’istruttoria presso gli uffici regionali dell’iter per il riconoscimento, in collaborazione con l’associazione Verdesalis e con l’esperto e gastronomo Massimo Vaglio.
Domani, martedì 8 agosto, è in programma alle ore 16:30 a Palazzo Personè, una conferenza stampa per informare su questa importante novità per il territorio e per dare risalto all’ennesimo prodotto salentino che va arricchire il patrimonio nazionale delle tipicità agroalimentari codificate. Interverranno il sindaco Pippi Mellone, il presidente di Laica Roberto Fatano, il responsabile della filiera “Food” di Laica Davide Montefrancesco e l’esperto Massimo Vaglio.
Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa