Passa ai contenuti principali

Gli startupppers di Vesepia presentano al pubblico l’idea del Romanzo Sinfonico

È trascorso un anno dalla pubblicazione di “Un sogno per Feo”, il primo Romanzo Sinfonico che ha trasformato e aumentato le modalità con cui si possono “godere” i libri. Questo perché per la startup Vesepia, l’innovativa casa editrice e di produzione audio che lo ha concepito, i libri non si leggono soltanto, ma si ascoltano, si osservano e divengono persino interattivi grazie all’utilizzo di
QRcodes. Infatti, la presenza di questi codici grafici, stampati sulle pagine di maggior pathos, permette all’utente di vivere un’esperienza plurisensoriale accedendo ai contenuti multimediali dei romanzi direttamente dal proprio smartphone per mezzo dell’app “Vesepia”.

Per condividere con il grande pubblico questa affascinante e innovativa interazione tra il cartaceo e il digitale, i fondatori di Vesepia, Lorenzo Palumbo (editore e manager) e Giacomo Sances (scrittore e compositore), hanno pensato bene di incontrare lettori (e ascoltatori) Domenica 27 agosto 2017, alle ore 21, presso le scalinate della chiesa Santa Maria delle Grazie di Sannicola (Le). In questa splendida location i giovani startuppers salentini presenteranno le particolari caratteristiche delle loro idee.

Ospiti della serata saranno I ragazzi del Movimento Mabasta, guidati dal professor Daniele Manni, che collaborano con Vesepia per la realizzazione di un romanzo sinfonico contro il bullismo. L’interesse didattico dei romanzi di Vesepia, che non a caso sono adottati da numerose scuole, non può prescindere da una tematica “calda” come quella appena citata.

Nella serata interverrà anche il professor Lucio Tommaso De Paolis, dell’Università del Salento, che illustrerà le possibilità di integrare la realtà aumentata e la realtà virtuale in ambito ludico-didattico.

Non mancheranno i momenti dedicati al teatro, con l’eclettico attore Luca Morciano, e al canto, con le voci di numerosi cantanti che hanno intonato i nuovi romanzi sinfonici di Vesepia intitolati “Il presepe dei desideri” e “La teoria della giostra (storia di un bullo salvato dalla musica)”. Sì perché, questi nuovi romanzi sinfonici, non si leggono soltanto, non suonano soltanto ma hanno anche deciso di …cantare,

Come accennato, la giovane startup Vesepia è condotta da Lorenzo Palumbo e Giacomo Sances. Lorenzo si è laureato all'Università del Salento presso la facoltà di Economia, dopo aver lavorato nel settore commerciale di numerose aziende ha acquisito capacità relazionali e commerciali. Dal 2014 segue percorsi di formazione sulla gestione delle risorse umane e sullo sviluppo di business. Giacomo è scrittore, autore musicale e docente sia in conservatorio sia nella scuola secondaria di primo grado. Dottore di ricerca in musicologia, ha all’attivo due lauree magistrali e ha collaborato con enti musicali di rilievo come il Teatro San Carlo di Napoli. Alle professionalità didattiche e artistiche – nelle quali convergono spettacoli teatrali scritti per scuole e per associazioni private, composizioni musicali per cortometraggi, realizzazione di concerti – associa l’attività accademica con pubblicazioni e convegni. 

Mabasta è il Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti che da più di un anno si mobilita per contrastare il bullismo “dal basso”. I ragazzi di Mabasta hanno preso parte a numerosissime iniziative e sono stati anche ospiti dell’ultimo festival di Sanremo.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa