Passa ai contenuti principali

Gallipoli c'è da dire che è più facile mantenere pulito, che pulire.

Partiamo dal presupposto che ognuno ha le sue colpe e responsabilità, dall’ amministrazione a noi tutti.
Però c'è da dire che è più facile mantenere pulito, che pulire. Se tutti i proprietari di locali pubblici ci tenessero un po’ di più a tenere pulito vicino al proprio locale (come tanti già fanno, dando l'esempio quotidianamente e da anni), sicuramente Gallipoli, la nostra amata Gallipoli, sarebbe più pulita, e anche le foto su FB sarebbero del tramonto e non della sporcizia.
Ognuno di noi Commerciante, Imprenditore e Cittadino, deve essere responsabile dello spazio vicino la propria casa o attività. Chi gode di una concessione a svolgere la propria attività sul suolo pubblico è doppiamente responsabile, e l’amministrazione, in tal senso, dovrebbe sensibilizzare tutti affinché questo avvenga (altrimenti potrebbero compromettere il rinnovo dell'autorizzazione). Questo vale per tutti. Quando pulire gli spazi antistanti le attività sarà la normalità e non un evento talmente straordinario da dedicarci un servizio fotografico, allora, saremo sulla buona strada. Dobbiamo essere tutti uniti in questo, il futuro turistico delle attività e dei lavoratori Gallipolini, dipende solo da Noi.
Anche perché, il danno d’immagine sarà si di Gallipoli e dei gallipolini, ma soprattutto delle vostre stesse attività.”

dott. Matteo Spada 

pres. Ass. Imprenditori e commercianti di Gallipoli

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata