Passa ai contenuti principali

Consigliere Paolo Pellegrino: Il Salento per Ferrovie dello Stato è terra da prendere in giro!

Ogni anno ci troviamo ad affrontare le stesse questioni inerenti gli snodi ferroviari nel Salento che non solo sono carenti ma che spesso purtroppo sono anche inefficienti. Giornalmente raccogliamo le giuste e motivate lamentele degli avventori, sia quelli occasionali quali i turisti, sia quelli abitudinari quali i pendolari. Periodicamente a scadenza quasi ad orologeria, ritornano situazioni tampone, ma mai fino ad oggi si era verificata una presa in giro così lampante. In seguito alla discussione aperta nelle scorse settimane in merito all'opportuno potenziamento dei collegamenti ferroviari, Ferrovie dello Stato ha creduto opportuno potenziare la tratta Lecce- Sud Salento. Ottima iniziativa, potrebbe apparire, se non fosse per il fatto che tale potenziamento è stato fatto con l'inserimento di un'unica vettura, sulle cui condizioni non vorrei trattenermi, poiché trovo degno di nota evidenziare che sulla vettura non sono state rimosse le fermate ed il tragitto delle Ferrovie della Lombardia. Una constatazione che è borderline tra il comico e lo scandaloso! Ferrovie dello Stato non solo supporta in modo ridicolo i trasporti solo con una vettura, ma lo fa con un mezzo non ricondizionato e con all'interno le indicazioni delle precedenti tratte... quelle della Lombardia  per l'appunto! Insomma Il Salento per le Ferrovie dello Stato non è traino nazionale per il rilancio economico turistico, ma terra da bistrattare considerando i propri cittadini ed esponenti  sprovveduti con l'anello al naso! 

Ufficio stampa Consigliere Regionale Paolo Pellegrino

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa