Passa ai contenuti principali

Una raccolta fondi in favore dei malati di SLA con Paolo Palumbo al Castello Aragonese di Otranto

Una serata tutta dedicata a Paolo Palumbo, affetto da SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) e coautore con lo chef Luigi Pomata del libro “Sapori a colori” (edito da Arkadia), sabato 22 luglio, a partire dalle 20.30, nel Castello Aragonese di Otranto.

La presentazione del libro segna la chiusura in grande stile del campus estivo “La cultura è la grammatica della bellezza” organizzato
da Salento Faber, l’associazione che opera nel Salento per la promozione e sensibilizzazione su tematiche sociali e ambientali e per la solidarietà, giunto alla quinta edizione, che si è svolto dal 12 giugno al 16 luglio.

“Sapori a colori” è testimonianza della storia di un diciannovenne che da due anni combatte una battaglia difficile, che ha trovato nella passione per la cucina la forza per superare quotidianamente gli ostacoli che la malattia mette sul suo cammino. Un libro di ricette semplici per pazienti con problemi di deglutizione, disfalgia o alimentati tramite sonde, per aiutare i familiari a cucinare, poi a omogeneizzare e somministrare per via orale o tramite sonda il piatto. Questa forza di volontà trova radici anche nel rapporto con il fratello Rosario, che “presta” letteralmente le braccia alle ricette di Paolo.
Il ricavato delle vendite del libro sarà interamente devoluto per la ricerca sulla SLA, progetto promosso dalla famiglia Palumbo. Inoltre chi vorrà potrà contribuire collegandosi al sito iostoconpaolo.saporiacolori.it/it/dona-ora.

Ad accogliere in musica gli spettatori saranno le note del celebre brano di Louis Armstrong dal titolo “What a wonderful world”, interpretato da due giovani e talentuosi sassofonisti pugliesi, il ventunenne Alessandro Cataldi e il quattordicenne Diego Vergari, allievi del M° Fabio Sammarco al Conservatorio Musicale N. Piccinni di Bari. Entrambi hanno già all’attivo prestigiose collaborazioni e numerose esibizioni, tra cui quella in duetto ad Acaya in occasione dell’undicesima edizione del Locomotive Jazz Festival.

Un momento sarà dedicato alle testimonianze: a raccontare le loro storie sarà Orietta De Pascali, presidente di AISLA-Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica sede di Lecce, punto di riferimento per le circa ottanta famiglie con malati di SLA, Gaetano Fuso, ideatore del progetto “Io posso”, con sua moglie Giorgia Rollo, presidente di 2HE - Center for Human Health and Environment, l'associazione che si occupa di malattie rare che ha realizzato la Terrazza “Tutti al mare!” a San Foca (marina di Melendugno, Lecce), l'unico accesso attrezzato al mare per persone affette da SLA e con altre disabilità neuromotorie, libero e gratuito, con servizi professionali dedicati e personale specializzato.

Partner dell’iniziativa la Federazione Italiana Cuochi Lecce che si occuperà del buffet di prodotti della tradizione che saranno offerti al pubblico, con la supervisione dello chef Cosimo Pantaleo e i piatti dello chef Carlo Sanna. Inoltre, il presidente Donato Micaletto donerà a Paolo Palumbo una targa e la tessera di socio onorario.

Il campus di Salento Faber, dal 12 giugno al 16 luglio, è stato dedicato proprio a Paolo Palumbo, un’esperienza che ha permesso di riflettere sulla bellezza della vita e di divertirsi allo stesso tempo, con il supporto di uno staff di professionisti e persone motivate.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa