Passa ai contenuti principali

“PLASMONICA 2017”: CENTINAIA DI STUDIOSI DOMANI A LECCE

L’ex Convitto Palmieri a Lecce, sede della Biblioteca provinciale, è pronto ad aprire le porte ad un evento scientifico e divulgativo internazionale che accoglierà oltre cento giovani studiosi e ricercatori.
Partirà domani, mercoledì 5 luglio e si concluderà nel pomeriggio di venerdì 7 luglio, precisamente nella Sala Teatrino dello storico complesso culturale, il convegno scientifico internazionale sulla “Plasmonica 2017” e sulle sue molteplici applicazioni. La Plasmonica rappresenta una delle discipline principali all’interno della cosiddetta nano-ottica, cioè dello studio dell’interazione tra la luce visibile e la materia nanostrutturata.Ufficio Stampa Provincia di Lecce


Il Convegno è organizzato, in collaborazione e con il patrocinio della Provincia di Lecce, dall’Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi e dall’Istituto Nanotec, entrambi del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), tutti collocati nel Campus Universitario Ecotekne di Lecce. Tali Istituti, nella loro attività, hanno sviluppato negli ultimi anni una linea di ricerca di carattere estremamente attuale legata alla fotonica e alle sue applicazioni, che ha posto i loro gruppi di lavoro come punto di riferimento a carattere nazionale. Accanto all’evento anche la Siof (Società italiana di ottica e fotonica), l’Università del Salento e la Regione Puglia.

Il workshop annuale approda a Lecce per la sua quinta edizione, per la prima volta nell’Italia meridionale, dopo aver fatto tappa a Milano, Roma, Padova e Genova.

Il campo di ricerca intorno al quale ruota il convegno è quello dello studio di fenomeni associati a nanoantenne ottiche realizzate con strutture metalliche di dimensioni nanometriche (1 – 500 nm), che permettono di amplificare i campi elettromagnetici di diversi ordini di grandezza e di confinarli su regioni nanometriche (hot spots).

L’interesse per lo studio di queste nanoantenne è legato soprattutto alle loro molteplici applicazioni in campo sensoristico, medico, terapeutico e diagnostico, nei settori delle telecomunicazioni, del controllo di qualità della produzione industriale ed agricola, del monitoraggio ambientale e nella sicurezza (rivelazione di molecole di tracce di esplosivi). L’interesse nella plasmonica è tuttavia più ampio, date le sue applicazioni anche in settori quali il fotovoltaico, il bioimaging, la biofisica, l’esplorazione spaziale, la terapia termica ed altro ancora.

In particolare, nel campo della nanomedicina, le nanoparticelle d’oro vengono infatti impiegate nella lotta al cancro tramite la tecnica di fototerapia, che sfrutta l’intenso assorbimento luminoso dei colloidi d’oro. Tali nanoparticelle, considerate chimicamente e biologicamente inerti, opportunamente funzionalizzate per riconoscere recettori presenti solo nei tessuti patologici, tendono ad accumularsi nei tessuti malati. Assorbendo energia luminosa e convertendola in energia termica, possono così distruggere le cellule malate semplicemente riscaldandole. Un’altra interessante applicazione di interesse ambientale è l’utilizzo di nanoparticelle metalliche nei pannelli solari. Recenti ricerche hanno infatti dimostrato che particelle metalliche nanoscopiche all’interno dei pannelli solari aumentano l’efficienza di raccolta della luce.

Oltre 110 ricercatori, dunque, si incontreranno per tre giorni per confrontarsi e discutere sul tema, scambiando opinioni ed esperienze. Lo scopo del Workshop è quello di far interagire ricercatori, studenti di dottorato e post-docs che lavorano in tutti i campi della Plasmonica, per creare una comunità multidisciplinare in cui lo scambio di idee e le collaborazioni portino ad un accelerazione nella ricerca in questo campo e all’utilizzo delle nanoparticelle in dispositivi sempre più efficienti e tecnologicamente avanzati.

Il programma di domani, mercoledì 5 luglio prevede, alle ore 14.20, i saluti del presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e delle altre autorità accademiche e scientifiche presenti. A seguire vi saranno due sessioni di lavoro: Sessione 1 - Novel Plasmonic Materials, Structures and Devices (ore 14.30-16.15) e Sessione 2 - Magnetic Plasmonics and Exotic Phenomena (16.30-19).

La giornata di giovedì 6 luglio include lo svolgimento della Sessione di lavoro 3 - Linear and Nonlinear Light-Matter Interactions in Plasmonics (9-12.30), della sessione 4 - Quantum and Tunneling Plasmonics (14.30-16.15) e della Sessione 5 - Poster Session (16.30-18-30). Seguirà una tavola rotonda di discussione, fino alle 20.
Nello corso dello stesso pomeriggio, dalle 16.30 alle 18, si terrà uno specifico momento dedicato agli studenti delle scuole superiori salentine, ai quali verrà illustrato con un linguaggio adeguato cos’è la plasmonica e quali sono le sue diverse applicazioni in campo biomedicale, agroalimentare, energetico ed ambientale.

La terza ed ultima giornata del Convegno (venerdì 7 luglio) contempla la sessione di lavoro 6 - Plasmon-based Imaging and Ultrafast Dynamics (9-12.30) e la sessione 7- Optical Antennas for Sensing and Biodetection (14.30-16.15).

Il convegno sarà in lingua inglese, ad eccezione del momento divulgativo dedicato agli studenti ed ai loro docenti.

La Provincia di Lecce aderisce e sostiene il prestigioso convegno “Plasmonica 2017” nell’ambito del più ampio progetto “Giornate di Promozione della Cultura Scientifica”, promosso ed organizzato dal Servizio Tutela e Valorizzazione Ambiente, diretto da Rocco Merico.

Lecce, 4 luglio 2017


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa