Passa ai contenuti principali

Nardo' Nasce la rete comunale wi-fi

Nasce la rete comunale wi-fi con l’obiettivo di offrire ai cittadini la possibilità di navigare in internet gratuitamente in alcune zone strategiche del territorio. Il servizio funzionerà 24 ore su 24 e permetterà a tutti di collegarsi alla rete tramite il proprio dispositivo notebook, palmare, smartphone o tablet dotato di ricevitore wi-fi, mediante una semplice procedura di collegamento e di registrazione alla quale seguirà un invio di username e password personale. Fornitore e gestore del servizio è Fastweb. Si procederà all’attivazione dei punti wi-fi in località Boncore (per 50 utenti contemporanei), piazza
Castello (per 100 utenti), piazza Salandra (per 150 utenti), piazza Sant’Antonio (per 50 utenti), piazza Sant’Isidoro (per 50 utenti), piazza Santa Caterina (per 100 utenti), piazza Nardò a Santa Maria al Bagno (per 100 utenti), zona 167 (50 utenti).
“Diamo vita a una rete comunale wi-fi - spiega Andrea Giuranna, consigliere delegato all’Innovazione - che è uno dei servizi in grado di avvicinare la nostra città a una dimensione finalmente smart e al passo con i tempi. Speriamo in questo modo di far crescere la cultura digitale e di favorire il diritto di accesso alla rete da parte di tutti. La scelta dei luoghi non è casuale, visto che accanto ad aree simboliche e molto frequentate come piazza Salandra, figurano luoghi periferici come Boncore o Sant’Isidoro che hanno una dotazione di servizi certamente bisognosa di implementazione. È una opportunità in più per cittadini e turisti e un modo per connettere la città al mondo”.
                                                                                                              Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa