Passa ai contenuti principali

L’UNIVERSITÀ DEL SALENTO RINNOVA DUE APPALTI SUL POLO BRINDISINO

Il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 giugno 2017 ha disposto l’estensione del contratto relativo al servizio di pulizie degli edifici universitari, sugli immobili del Polo di Brindisi, a decorrere dal prossimo 1 luglio 2017 con un incremento di spesa mensile di € 6.206,79. È stata altresì disposta l’estensione del contratto relativo al servizio di portierato per il Polo di Brindisi dal 1 luglio 2017 con un ulteriore incremento di spesa mensile di € 9.621,73.


In entrambi i contratti, trattandosi di passaggio di appalto, è stata garantita l’applicazione della “clausola sociale”, e il conseguente assorbimento di tutti i lavoratori che attualmente prestano la propria attività presso il Polo di Brindisi, alle medesime condizioni contrattuali dei lavoratori impiegati nel resto dell’Università.

Questa spesa, che grava sull’amministrazione universitaria, non trova copertura su alcun finanziamento della Provincia di Brindisi, Ente che fino allo scorso anno garantiva tali servizi. «Si sottolinea ancora una volta», afferma il Rettore Vincenzo Zara, «come l’Università del Salento stia venendo incontro alle esigenze di mantenimento del polo universitario su Brindisi sostituendosi, di fatto, agli impegni a suo tempo assunti dalle amministrazioni territoriali. Se entro il 31 ottobre non si dovesse giungere alla definizione degli impegni pregressi (in termini di riconoscimento delle spese già sostenute e rendicontate dall’Università del Salento) e alla sottoscrizione della nuova convenzione come richiesto dal Comune di Brindisi, l’Università del Salento non potrà più materialmente sostenere il proprio impegno sul polo didattico brindisino».


Lecce, 30 giugno 2017



Ufficio Comunicazione e URP

Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata