Passa ai contenuti principali

L’UNIVERSITÀ DEL SALENTO RINNOVA DUE APPALTI SUL POLO BRINDISINO

Il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 giugno 2017 ha disposto l’estensione del contratto relativo al servizio di pulizie degli edifici universitari, sugli immobili del Polo di Brindisi, a decorrere dal prossimo 1 luglio 2017 con un incremento di spesa mensile di € 6.206,79. È stata altresì disposta l’estensione del contratto relativo al servizio di portierato per il Polo di Brindisi dal 1 luglio 2017 con un ulteriore incremento di spesa mensile di € 9.621,73.


In entrambi i contratti, trattandosi di passaggio di appalto, è stata garantita l’applicazione della “clausola sociale”, e il conseguente assorbimento di tutti i lavoratori che attualmente prestano la propria attività presso il Polo di Brindisi, alle medesime condizioni contrattuali dei lavoratori impiegati nel resto dell’Università.

Questa spesa, che grava sull’amministrazione universitaria, non trova copertura su alcun finanziamento della Provincia di Brindisi, Ente che fino allo scorso anno garantiva tali servizi. «Si sottolinea ancora una volta», afferma il Rettore Vincenzo Zara, «come l’Università del Salento stia venendo incontro alle esigenze di mantenimento del polo universitario su Brindisi sostituendosi, di fatto, agli impegni a suo tempo assunti dalle amministrazioni territoriali. Se entro il 31 ottobre non si dovesse giungere alla definizione degli impegni pregressi (in termini di riconoscimento delle spese già sostenute e rendicontate dall’Università del Salento) e alla sottoscrizione della nuova convenzione come richiesto dal Comune di Brindisi, l’Università del Salento non potrà più materialmente sostenere il proprio impegno sul polo didattico brindisino».


Lecce, 30 giugno 2017



Ufficio Comunicazione e URP

Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa