Passa ai contenuti principali

LA NOTTE DELLA TARANTA A GRANO IN FESTA, ACQUARICA DEL CAPO

I ritmi della tradizione popolare salentina ad Acquarica del Capo  con l'Orchestra Popolare de La Notte della Taranta, che si esibirà sul palco allestito nei pressi della masseria fortificata di Celsorizzo il 29 luglio in occasione dell'iniziativa Grano in Festa. 
  Dopo la tappa romana che ha infiammato la capitale, l'Orchestra ritorna nella sua terra per coinvolgere le migliaia di spettatori che raggiungeranno la cittadina del Sud Salento, dove  la tre giorni di Grano in festa è diventata uno degli eventi più attesi dell'estate salentina.

La formazione che salirà sul palco vedrà Nico Berardi (fiati), Carlo Canaglia, Roberto Chiga (tamburelli), Gianluca Longo (mandola), Alessandra Caiulo, Ninfa Giannuzzi (voce), Roberto Gemma (fisarmonica), Attilio Turrisi (chitarra battente),  Alessandro Muscillo (basso), Enrico Quirino (batteria) Giuseppe Astore (violinista), Giuseppe Grassi (mandoloncello). Alla danza ci saranno Sara Colonna e Andrea Caracuta. A guidare l'Orchestra Popolare de La  Notte della Taranta, Daniele Durante, direttore artistico del Concertone di Melpignano che quest'anno si terrà il 26 agosto.
Ospite  dell'Orchestra nella serata del 29 luglio,  il musicista Roberto Licci, fondatore dello storico gruppo Ghetonìa, tra i più grandi interpreti dei canti in griko. 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata