Passa ai contenuti principali

La direzione della Asl non giustifica le minacce e l’aggressività dei parenti del paziente deceduto in Cardiochirurgia, pur comprendendone il dolore.

In merito agli episodi di intolleranza e di tensione che si sono verificati mercoledì mattina nel reparto di Cardiochirurgia del “Vito Fazzi”, dopo il decesso di un paziente di origini albanesi, in un comunicato la ASL stigmatizza il comportamento violento, minaccioso e aggressivo di alcuni parenti, pur comprendendone il dolore.
«L’episodio accaduto ieri nel reparto di Cardiochirurgia  - scrivono dalla Asl - non è ammissibile. Minacce e aggressività, in qualsiasi forma si manifestino, non sono in alcun modo giustificabili. ASL
Lecce, pur comprendendo il dolore dei parenti per la morte di un congiunto, ha il dovere di tutelare l’incolumità del proprio personale durante lo svolgimento dell'impegnativo lavoro quotidiano.
In particolare, riguardo le accuse di “razzismo” lanciate da uno dei parenti del paziente deceduto, di origini albanesi, va apprezzato che siano state subito ritrattate dagli altri congiunti. Si è trattato di parole pronunciate, come appare evidente, in un momento di profondo sconforto e di forte collera: sentimenti umanamente comprensibili ma – si ribadisce – non giustificabili.
Il personale ASL, sanitario e non, deve poter operare in maniera tranquilla e serena, perché così richiede la delicatezza e l’importanza del compito, senza temere conseguenze che debordino ben oltre il limite della civile convivenza.
Di fronte alla morte di un paziente, l’azienda sanitaria ritiene doveroso fornire rassicurazioni sulla correttezza delle procedure mediche eseguite rispetto al quadro clinico del paziente, ribadendo in ogni caso il rammarico per non aver potuto evitarne il decesso. Tutto ciò per sgombrare il campo, in maniera inequivocabile, da qualsiasi dubbio: nel rispetto dei parenti e a tutela del personale. Nel rispetto e a tutela, anche, dell’onorabilità dell’Asl, dell’Ospedale “Vito Fazzi” e del reparto di Cardiochirurgia, luoghi in cui istituzionalmente e per scelta professionale si lotta per la cura e la vita dei pazienti. Senza distinzioni di 
sorta».
  FONTE SALUTE SALENTO

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata