Passa ai contenuti principali

Giampiero De Pascalis: «Non ho nulla da rimproverare agli alleati e continuerò a impegnarmi per Galatina»

Sento il dovere di dover chiarire alcuni aspetti che sono oggetto di lettura del voto. Innanzitutto smentisco categoricamente che ci sia una resa dei conti nella coalizione “Obiettivo 2022” per il semplice fatto che non abbiamo nulla da rimproverarci reciprocamente. Di conseguenza nessuna riunione è fissata per la prossima settimana. Risponde al vero, invece, che occuperò settimana prossima per ringraziare i miei alleati. Comincerò da Collemeto, lunedì sera, dove
andrò a ringraziare L’Agorà e i cittadini della frazione che ha espresso un consenso alto alla mia persona e poi continuerò a ringraziare singolarmente gli altri alleati.
Come posso affermare che non abbiamo nulla da rimproverarci? I numeri parlano chiaro: al primo turno le preferenze che i galatinesi mi hanno accordato sono pari al 37 per cento dei voti, al secondo turno – con un calo dei votanti del 23 per cento – le preferenze che mi sono state accordate sono del 47 per cento. Se le liste e i candidati non si fossero impegnati non sarebbe cresciuto il mio consenso. Nè può sfuggire che dall’altra parte c’è stato un maxi inciuco che passa da Roberta Forte la quale ha pubblicamente ammesso di aver indirizzato il voto su Amante e dal Pd.
Detto questo ho, abbiamo perso. Ne ho preso atto con grande serenità sin da subito e con altrettanta serenità affermo che il mio impegno con la città rimane intatto. I problemi che travagliano Galatina sono gravi e non posso distogliere lo sguardo. La mia sarà un’opposizione ferma, ma non ottusa: non mancherà il mio voto ai provvedimenti che vanno a favore della città, tutto quello che non andrà in quella direzione troverà la mia ferma opposizione.

Giampiero De Pascalis



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa