Passa ai contenuti principali

Due giorni all’epilogo del nono Magna Grecia Cup

 Sarà ancora una volta il Lido Onda Marina di Torre San Giovanni (Comune di Ugento) ad incoronare il vincitore del Magna Grecia Beach Rugby Cup nel pomeriggio di sabato 8 luglio.

Sull’arenile della splendida località ionica sono attese, per la prima volta, anche le ragazze:« Dopo l’ultima edizione di ben 7 anni fa siamo riusciti a riportare le donne in una finale del Magna Grecia – parla l’entusiasta Fabio Manta coordinatore del Comitato LIBR – e questo renderà il torneo ancor più interessante». Una nona edizione del Master Finale impreziosita anche dai ragazzi del Salento XV Trepuzzi e dell’Amatori Tricase che si contenderanno la Junior Cup:« Una presenza fortemente voluta dalla Federazione Italiana Rugby – continua Manta – che tramite il Beach Rugby vuol avvicinare nuovi praticanti a questo splendido sport».
Nel Torneo Maschile saranno sei le squadre presenti suddivise in due gironi. La graduatoria della Regular Season pone come testa di serie il Rugby Club Granata di Gioia del Colle che si colloca nel Girone A insieme ai terzi classificati Draghi BAT di Barletta e ai Salento Sharks, squadra cadetta del Salento Rugby di Aradeo che se la vedrà con i Murgia Marines di Santeramo in Colle – secondi della classifica della stagione regolare – e le Chiappe Bianche di Campobasso che, pur giungendo settimi, hanno ottemperato all’obbligatorietà della presenza nelle tre tappe prevista nel regolamento interno del Comitato Magna Grecia.
Nel Torneo Femminile sarà lo scontro tra le “tarantate” del Salento Rugby e le “squalacce” del Salento Sharks a tenere banco, prevista anche la presenza delle giocatrici del Pantehrs Rugby Team di Modugno.
La giornata sarà commentata dai “Delinquenti prestati al Mondo della Palla Ovale”.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa