Passa ai contenuti principali

Due giorni all’epilogo del nono Magna Grecia Cup

 Sarà ancora una volta il Lido Onda Marina di Torre San Giovanni (Comune di Ugento) ad incoronare il vincitore del Magna Grecia Beach Rugby Cup nel pomeriggio di sabato 8 luglio.

Sull’arenile della splendida località ionica sono attese, per la prima volta, anche le ragazze:« Dopo l’ultima edizione di ben 7 anni fa siamo riusciti a riportare le donne in una finale del Magna Grecia – parla l’entusiasta Fabio Manta coordinatore del Comitato LIBR – e questo renderà il torneo ancor più interessante». Una nona edizione del Master Finale impreziosita anche dai ragazzi del Salento XV Trepuzzi e dell’Amatori Tricase che si contenderanno la Junior Cup:« Una presenza fortemente voluta dalla Federazione Italiana Rugby – continua Manta – che tramite il Beach Rugby vuol avvicinare nuovi praticanti a questo splendido sport».
Nel Torneo Maschile saranno sei le squadre presenti suddivise in due gironi. La graduatoria della Regular Season pone come testa di serie il Rugby Club Granata di Gioia del Colle che si colloca nel Girone A insieme ai terzi classificati Draghi BAT di Barletta e ai Salento Sharks, squadra cadetta del Salento Rugby di Aradeo che se la vedrà con i Murgia Marines di Santeramo in Colle – secondi della classifica della stagione regolare – e le Chiappe Bianche di Campobasso che, pur giungendo settimi, hanno ottemperato all’obbligatorietà della presenza nelle tre tappe prevista nel regolamento interno del Comitato Magna Grecia.
Nel Torneo Femminile sarà lo scontro tra le “tarantate” del Salento Rugby e le “squalacce” del Salento Sharks a tenere banco, prevista anche la presenza delle giocatrici del Pantehrs Rugby Team di Modugno.
La giornata sarà commentata dai “Delinquenti prestati al Mondo della Palla Ovale”.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata