Passa ai contenuti principali

Cutrofiano Le rinomate maioliche e terrecotte protagoniste della Mostra mercato della ceramica artigianale

CUTROFIANO – Le rinomate maioliche e terrecotte di Cutrofiano protagoniste della Mostra mercato della ceramica artigianale, giunta alla 45esima edizione. La manifestazione, che metterà al centro il tema «Santi e pupi», si svolgerà dal 13 al 22 agosto.
Dopo lo straordinario successo di pubblico, che aumenta di anno in anno (l'anno scorso si
registrarono oltre 40mila visitatori), torna l'attesa rassegna che si snoderà attraverso i vicoli e le corti del centro storico, per far rivivere quegli spazi ormai dimenticati, grazie a nuovi percorsi artistico-culturali, contaminazioni e sperimentazioni.
L’inestimabile patrimonio dell’arte ceramica sarà valorizzato all'interno del borgo, cornice ideale di arte, storia, gastronomia, eventi, spettacoli musicali, tradizioni e bellezze paesaggistiche. Sarà, dunque, un’imperdibile occasione per un viaggio unico nel mondo dell’artigianato artistico pugliese, mediterraneo ed europeo, che confermerà Cutrofiano, come scrigno di saperi e maestria creativa artigianale, al centro di una rete internazionale di grande prestigio.
Significativo il prestigioso gemellaggio, siglato con la città spagnola di Gelves, Comune dell’Andalusia, rinomato nel mondo per le sue ceramiche artistiche. Per l'occasione, saranno ospiti a Cutrofiano i rappresentanti del Comune spagnolo e della «Escuela formacion artesanos de Gelves» “Luca Della Robbia” di Siviglia.
«Crediamo fortemente – spiega Tommaso Campa, assessore alle Attività produttive del Comune di Cutrofiano – nella contaminazione e negli scambi interculturali, per avviare processi innovativi efficaci, nel comparto dell’artigianato. Un settore strategico per lo sviluppo del nostro territorio e per questo abbiamo voluto consolidare la nostra collaborazione con i laboratori artigianali locali, coinvolgendo anche quelli di Grottaglie e allargando lo sguardo all'intera area del Mediterraneo».
Durante la manifestazione, gli artigiani si esibiranno dal vivo, tra dimostrazioni al tornio e laboratori creativi, realizzando opere ibride, come vere e proprie opere d'arte, combinando i materiali più svariati, dalla ceramica alla cartapesta, dal ferro battuto alla pietra leccese, dal legno di ulivo ai ricami dei tessuti e non solo.
Tra gli eventi collaterali, inoltre, la Rievocazione storica, a cura dell’Associazione ceramica artigianale del Salento, che racconterà la storia del Ducato di Cutrofiano e la presa di possesso della principessa Marianna Filomarini del feudo di Cutrofiano, a cui parteciperanno centinaia di figuranti con diversi quadri storici, rappresentanti la storia di Cutrofiano, dagli Orsini fino a Marianna Filomarini. La rievocazione vedrà la partecipazione di figuranti eccezionali, tra performance di archibugieri, cavalli danzanti, carrozze d‘epoca, grazie anche alla collaborazione dell’Associazione Brancaleone della Disfida di Barletta e dell’Associazione Emozioni del Salento.
«Visitare la mostra e la nostra Cutrofiano – commenta il sindaco Oriele Rolli significherà vivere l’emozione di un incontro immaginifico: un caleidoscopio di culture da scoprire e vivere, capaci di distillare tesori inestimabili e indelebili, che la rendono da sempre protagonista nel Mediterraneo e in Europa. Gli obiettivi di questa 45esima edizione – conclude il primo cittadino – puntano sulla promozione delle produzioni d’eccellenza, custodi preziose delle tradizioni artigianali, plasmate dalla maestria, dalla creatività artistica, dalla storia, dalla cultura e dalle contaminazioni mediterranee ed europee».

L’Ufficio Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata