Passa ai contenuti principali

“CHARME IN ROSA”, TORNA LA FESTA DEI VINI ROSATI E DEGLI OLI DI QUALITA’ DI PUGLIA

Torna anche quest’anno, alla sua settima edizione, “Charme in Rosa”, la festa dei vini rosati e degli oli di qualità di Puglia firmata dall’Associazione Italiana Sommelier di Lecce, guidata da Amedeo Pasquino.
Appuntamento venerdì 14 luglio, dalle 19.30 in poi, nella dimora storica di “Torre del Parco”, a Lecce, con una maxi degustazione che vede in rassegna  150 rosati di Puglia e 50 oli extravergine di oliva pugliesi, quest’anno in abbinamento alle specialità gastronomiche realizzate dagli chef Gianluca Spagnolo per “Torre del Parco” e Cosimo Russo per il ristorante “Aqua – Le Dune” di Porto Cesareo, oltre a molte eccellenze gastronomiche locali.


La serata comincerà però già alle 19 con il convegno sul tema “I  rosati di Puglia: poker d’assi” . Intervengono il sindaco di Lecce Carlo Salvemini, il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano, l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Leonardo Di Gioia, l’imprenditore Piernicola Leone de Castris, il preside della facoltà di Economia dell’Università del Salento Amedeo Maizza, Leda Cesari, giornalista e responsabile della Comunicazione per AIS Lecce, il senatore Dario Stefano. A seguire la presentazione del libro di Giuseppe Baldassare, docente e membro della Commissione Nazionale Formazione AIS, “Puglia Terra dell’Oro - Alimentazione Salute Bellezza”. Modera Vincenzo Magistà, direttore di Telenorba.


Contributo di partecipazione 15 euro, comprensivi del bicchiere da degustazione e della possibilità di assaggiare liberamente i vini rosati, gli oli e le specialità gastronomiche in assaggio. Per evitare la coda all’ingresso di Torre del Parco, inoltre, si possono acquistare i biglietti in prevendita presso Torre del Parco, viale Torre del Parco 1

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa