Passa ai contenuti principali

Campi Salentina 1° Memorial Don Ninu te la posta

L’Associazione ChiaraMente, il Comitato I Veri Amici del Carnevale di Campi Salentina e diverse attività Commerciali agricole e non persistenti sul territorio, con il patrocinio gratuito del Comune di Campi
Salentina, nell’ottica di donare all’intera comunità campiota e dei paesi limitrofi una serata all’insegna della
spensieratezza e del divertimento, hanno deciso di organizzare, autofinanziandolo, un concerto live di
tradizionale musica salentina: la pizzica! Tale serata nasce anche dalla volontà di riqualificare una delle
zone
periferiche della città e valorizzare quindi tutto il territorio.
Il gruppo di musica popolare del Salento Kuntèo, nato nell'agosto del 2015, coniugherà il ritmo ancestrale
della pizzica e della taranta con contaminazioni balcaniche ed etno/folk, riproponendo vecchi brani della
tradizione contadina e grandi classici della musica popolare riarrangiandoli in una chiave di lettura più
fresca e attuale.
Fiore all’occhiello della formazione è il piccolo ma talentuoso percussionista Tommy Miglietta di soli nove
anni, già molto conosciuto ed apprezzato nel panorama della musica popolare salentina, avendo calcato
palchi di rilevanza nazionale ( tappa itinerante della Notte della Taranta, concertone della notte dei tamburi
di Torrepaduli, apertura del concerto di Eugenio Bennato, apertura del concerto ai Modena City Ramblers,
duetto con Terron Fabio dei Sud Sound Sistem, arrivando anche ad esibirsi su Rai 2 lo scorso marzo 2016,
ospite del programma Little Big Show in onda in prima serata su Canale 5 con la conduzione di Gerry Scotti,
vincitore del Premio Lupiae 2017 come Eccellenza del Salento nel Mondo e vincitore del Premio Dolmen
Salento per il contributo dato allo sviluppo della musica tradizionale italiana nel mondo, conferito a Roma
nel Marzo 2017 ), incantando tutti per il suo modo di suonare il tamburello.
Fanno parte della formazione il violinista e cantante Gianvito Carlino, esperto cultore della musica popolare
del sud Italia, alla fisarmonica Paolo Miglietta, musicista e general manager del gruppo, alla chitarra
acustica il giovane ma promettente Samuele Miglietta, al basso elettrico Davide QBA Apollonio, noto
musicista e produttore salentino, co-fondatore del gruppo Apres La Classe, e leader del gruppo musicale
Granma e Salento All Stars ed al mandolino, mandola e bouzouky Matteo Cacciatore.
Al gruppo si uniscono, alternandosi, ballerine di pizzica che rendono lo spettacolo, oltre che bello da
ascoltare, anche molto gradevole alla vista dei presenti.
La serata vedrà anche esibirsi diverse scuole di ballo dei paesi limitrofi, in quanto le scuole presenti sul
territorio comunale hanno già terminato le loro attività e non hanno potuto quindi aderire alla
manifestazione, che allieteranno gli avventori con balli caraibici, di gruppo e altro ancora.
Si concluderanno i festeggiamenti al ritmo di musica commerciale per i giovanissimi proposta da due
bravissimi dj.
L’esercizio commerciale Garden Frutta 2000 sarà promotore della sagra della minianguria e non mancherà
cibo, vino e bevande per tutti i gusti.
Sarà una ricca serata all’insegna dell’allegria e del coinvolgimento di tutti i partecipanti dai più piccoli ai più
grandi.
Sulla pagina Facebook dell’Associazione ChiaraMente e del Comitato I Veri Amici del Carnevale di Campi
ovviamente dopo aver aggiunto un like!!! Vi aspettiamo numerosi.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata