Passa ai contenuti principali

A MONTESARDO TORNA LA RIEDIZIONE DELLO ZECCHINO

Sul palco, allestito al centro del paese, sabato 22 si sfideranno a colpi di acuti e ritornelli, 16 voci bianche suddivise in due categorie: dai 4 agli 8 anni e dai 9 ai 14. Ogni esibizione sarà accompagnata dal vivo da una band composta da Anna Marchese al basso, Alfredo Torsello alla tastiera, Giaele Buccarello e Antonio Nicolì alla chitarra, Maurizio Brogna alla batteria e dal coro diretto da Anna Maria Chiffi. A decretare il vincitore sarà la giuria tecnica, presieduta da Riccardo Russo, maestro di clarinetto
diplomato al Tito Schipa di Lecce e composta da 10 membri ( la cantante Mina Monteduro, la dj e speaker radiofonica Francesca Ciardo, la cantante e pianista Rossella Torsello, la corista e tastierista Alessia Casi, la solista Christine IX, il batterista del gruppo “The Wanted” Danilo Ammassari, cantante del gruppo “the wanted” Alessandro Manti, il chitarrista Mauro Renna, il bassista del gruppo “Christine IX” Salvatore Zullino. Apriranno la manifestazione i bambini della 2^ e 3^ elementare della scuola primaria di Montesardo accompagnati dai rispettivi maestri, presenti anche i ragazzi dell’associazione “insieme per i disabili, progetto Riesco”, il duo “Raffaelino e Biagina”, special guest “Max Vasco”.La serata è stata organizzata dall’associazione culturale “Donna Popa” presieduta da Antonio Bleve e dalla direttrice artistica, avvocato Elisabetta Russo, che ha fortemente voluto e organizzato la manifestazione con l’intento di far rivivere nella piccola realtà montesardese l’atmosfera gioiosa di quel tempo.“Abbiamo tutti un pezzetto di Zecchino nel cuore- commenta la direttrice artistica- che racconta un momento della nostra vita, un’emozione di noi bambini. Con la serata di sabato cerchiamo nei grandi di far rivivere i ricordi della loro infanzia e nei piccoli fra trascorrere momenti di sano divertimento e di buoni sentimenti. Montesardo deve ritornare a respirare aria di festa soprattutto in questo periodo in cui molti compaesani, che vivono fuori per vari motivi, ritornano nella loro terra d’origine. Ci auguriamo-conclude Russo- di non perdere queste sane abitudini”.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata