Passa ai contenuti principali

12 CONDANNE A LECCE PER CAPORALATO, DONNO (M5S): TUTELA ANCHE PER CHI È ANCORA NELL'OMBRA

Roma, 14.07.2017 - "Questa sentenza rappresenta uno dei tanti segnali volti alla concreta lotta contro il caporalato" lo afferma in una nota la Senatrice M5S Daniela Donno, Capogruppo in Commissione Agricoltura e Vicepresidente della Commissione Diritti Umani, in commento alla condanna a Lecce di 12 persone nell'ambito del processo riguardante lo sfruttamento di lavoratori nelle campagne di Nardò.

"Purtroppo, però, nonostante l'esistenza di un apparato normativo a cui seguono queste condanne, gli episodi di sfruttamento e prevaricazione continuano a verificarsi. Il caporalato, proprio perché si è annidato in maniera insidiosa nell'economia agricola, ha bisogno di un costante contrasto a tutto campo, a partire dalle componenti strutturali" prosegue la Senatrice pentastellata.
"In tutto questo, non possiamo dimenticare che la qualità del lavoro e la qualità dei prodotti sono delle componenti che non possono essere scisse quando si parla di manodopera agricola. Per qualità del lavoro intendiamo, prima di tutto, il rispetto dei diritti delle persone, dei contratti collettivi nazionali di riferimento e delle norme che riguardano la filiera produttiva. Per questo, confidiamo sempre di più nel lavoro della magistratura e continueremo a batterci affinché siano assicurati rispetto e tutela per tutti coloro che, ogni giorno, pur di lavorare, mettono a repentaglio la propria vita sui campi" conclude Donno.


Daniela DonnoVice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa