Passa ai contenuti principali

Sul Gargano la chiusura della Regular Season

 C’è grande attesa per la chiusura della Regular Season del nono Magna Grecia Beach Rugby Cup. Prima dell’epilogo che si terrà nel Salento, a Torre San Giovanni (Comune di Ugento), la sesta tappa andrà di scena a Vieste.

Nella splendida località del Gargano non ci sarà il Rugby Club Granata di Gioia del Colle che non potrà difendere il primato nella classifica di Comitato. Partono certamente favoriti i Pirati di Nisida che nell’ultima tappa di casa a Napoli si sono arresi solo ai vice Campioni d’Italia 2016 dei Crazy Crabs di Frascati.
Nell’Arena del Cristalda Beach saranno protagoniste anche le donne con le Pamelas di Napoli in cerca di successo sulle abruzzesi Tetras di San Salvo.
Vieste, Cittadina turistica a vocazione sportiva, oltre ad aver ospitato una tappa del 100° Giro d’Italia ha accolto da giugno sono diversi eventi sportivi: "la Regata dei Parchi" partita dal porto viestano con arrivo in Croazia, il circuito nazionale di mountain bike, il mondiale di acqua bike, l’esordio del campionato nazionale di beach volley maschile e femminile sono solo alcuni sport che fanno grande la perla del Gargano. Una stagione sportiva che si concluderà con il mundialito di beach soccer a cui parteciperanno le nazionali di Argentina, Canada, Francia e quella Italiana di Maurizio Iorio fra le cui fila militano Berti, Max Tonetto, Gennaro e Marco Del Vecchio, Colonnese e Angelo Di Livio.
Entusiasta l’Assessore allo Sport :«Vieste è un enorme palazzetto a cielo aperto – dichiara Dario Carlino – e siamo soddisfatti di essere riusciti ad ospitare così tante manifestazioni, diverse tra loro ma tutte legate dalla possibilità di essere svolte senza infrastrutture ma solo sfruttando e valorizzando ciò che ci ha voluto donare Madre Natura».
Appuntamento a Vieste domenica 2 luglio, vietato non esserci!


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa