Passa ai contenuti principali

Sentenza Cassazione risarcimento da superlavoro in sanità

Con questa sentenza la Cassazione ha disposto il risarcimento alla famiglia di un medico radiologo dipendente dell’azienda sanitaria provinciale di Enna , deceduto nel 1998 per una cardiopatia ischemica silente, imputabile come concausa al superlavoro, ai super-turni, alla reperibilità notturna, diurna e festiva.
La sentenza apre la strada a un equo indennizzo alla moglie dell’allora 30enne radiologo, «strapazzato» secondo la suprema corte, anche dai vorticosi ritmi di lavoro.

Secondo l’orientamento dei giudici è l’imprenditore (in questo caso l’azienda sanitaria), ad essere «tenuto ad adottare le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro».
Ma la sentenza è ancora più chiara: è irrilevante – viene spiegato - che il radiologo in questione non abbia contestato i turni nel corso degli anni. Perché «Sarebbe inaccettabile – scrive la Cassazione – introdurre il principio per cui solo chi si lamenta delle condizioni del lavoro o sollecita misure a tutela della propria incolumità può poi reclamare i danni».
Ancora più incisivi i supremi giudici sulle cause del decesso. «Un eventuale predisposizione costituzionale del soggetto non può elidere l’incidenza concausale, anche soltanto ingravescente, dei nocivi fattori esterni individuabili in un supermenage fisico e psichico quale quello documentato in atti».
La Cassazione ha tenuto conto anche dell’effettuazione di turni in eccesso (la pronta disponibilità notturna, festiva e diurna) rispetto ai limiti previsti dalla contrattazione collettiva.
Ricordiamo che la direttiva europea del 2003, applicata con la legge ordinaria (161/2014), prevede che nessun operatore della sanità potrà essere obbligato a turni di lavoro superiori al limite massimo di 12 ore e 50 minuti nell'arco di una giornata, con una pausa obbligatoria di almeno dieci minuti dopo sei ore. Il riposo giornaliero, soprattutto, non dovrà essere inferiore alle 11 ore, nelle 24 ore tra due turni. 
Qual è la situazione nella Asl di Lecce con riferimento al diritto alle ferie estive del personale e in previsione di una «valanga» di turisti? (anziani, cardiopatici, dializzati, giovani da sballo e traumi della strada).
Le prime avvisaglie si sono avute nei giorni scorsi, quando qualche dipendente del laboratorio analisi, andato in tilt, è stato «invitato» a fronteggiare la situazione di crisi, mettendo da parte le esigenze personali e familiari.
Speriamo di non essere multati se, per esempio, le prestazioni aggiuntive alle quali si sta facendo ricorso, dovessero erodere le 11 ore di riposo obbligato. Ma i sindacati fanno buona guardia.

fonte salute salento




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata