Passa ai contenuti principali

NARDO' RIQUALIFICAZIONE URBANA, AL VIA I LAVORI SULLE PRIME QUATTRO STRADE

Il massiccio intervento di sistemazione e bitumazione delle strade della città è iniziato stamattina sulle vie Pellico, Rosmini, Lincoln e Gioberti (adiacenti a via 2 Giugno, zona ex ospedale), considerate le più urgenti per lo stato delle stesse e aggiuntive rispetto alle 29 già individuate dalla Giunta, sterrate e pericolose, nelle marine o in zone di periferia. I lavori prevedono la perimetrazione del fondo stradale, la bitumazione e la realizzazione dei marciapiedi e restituiranno decoro e sicurezza in un’area che attendeva
da decenni. L’intervento dovrebbe durare qualche giorno. Il resto degli interventi riguarderanno strade a Sant’Isidoro, Santa Maria al Bagno, località Torre Inserraglio e zone Pagani, Torremozza, Cenate e rappresentano complessivamente una importantissima azione di riqualificazione urbana, che inaugura la programmazione quinquennale prevista dall’amministrazione comunale e che è la prima di queste dimensioni dopo decenni di ritardi della viabilità cittadina.
“Abbiamo preso un impegno - ricorda il sindaco Pippi Mellone - e lo manterremo. Il problema delle strade sterrate e pericolose, come queste quattro che sono a due passi dal centro e dal cuore della viabilità cittadina, è antico e naturalmente è cresciuto perché negli anni scorsi non si è fatto praticamente nulla. Qui ci sono cittadini che rompono sistematicamente le proprie autovetture, che rischiano di cadere, che mangiano ogni giorno la polvere del fondo sterrato. Hanno diritto anche loro a vivere in una città normale. Così riqualifichiamo il tessuto urbano, restituendo decoro e sicurezza”.

                                                                                                   Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa