Passa ai contenuti principali

NARDO' CONCORSO PER I VIGILI “STAGIONALI”, RESPINTA NUOVA RICHIESTA DI SOSPENSIVA

Il Tar di Lecce respinge per la seconda volta la richiesta di sospensiva del nuovo bando del Comune di Nardò per l’assunzione di agenti di polizia locale a tempo determinato. Il bando è stato impugnato da sei ricorrenti, difesi dagli avvocati Marcello Risi e Daniele Lutrino, che sostengono la piena legittimità della vecchia procedura concorsuale e della relativa graduatoria da cui attingere per l’assunzione degli agenti di polizia locale cosiddetti “stagionali”. Il Comune di Nardò, com’è noto, si è difeso in giudizio con l’avvocato Paolo Gaballo. Nell’udienza dello scorso 14 giugno il legale del
Comune ha sostenuto che l’istanza cautelare avanzata dai ricorrenti non poteva essere accolta, in quanto non risultava impugnata la delibera n. 250 del 6 giugno 2017 con cui la Giunta aveva convalidato, ratificato e integrato la motivazione della precedente delibera, la n. 171 del 28 aprile 2017, di indizione del nuovo bando per l’assunzione degli agenti di polizia “stagionali”. Il giudice amministrativo, accogliendo le tesi difensive dell’avvocato Gaballo, ha respinto l’istanza cautelare avanzata dai ricorrenti proprio perché non avevano impugnato la nuova deliberazione n. 250/2017 approvata dalla Giunta a supporto della scelta di indire una nuova procedura concorsuale. I ricorrenti, però, hanno impugnato al Tar anche la delibera n. 250, chiedendone nuovamente la sospensione.
Nell’udienza di ieri l’avvocato Gaballo ha sostenuto la legittimità del nuovo concorso, risultando al Comune precluso lo “scorrimento” della precedente graduatoria di cui facevano parte i ricorrenti, sia perché questi ultimi non avevano partecipato ad un concorso che prevedeva la nomina di vincitori, sia perché il nuovo concorso è diverso dal precedente. Inoltre, risulta prevalente l’interesse pubblico a concludere il concorso rispetto a quello dei ricorrenti che avrebbe potuto eventualmente trovare ristoro in caso di accoglimento del ricorso nel merito. La seconda sezione del Tar, condividendo ancora una volta le argomentazioni difensive sostenute dal legale del Comune, ha respinto la nuova istanza di sospensione del concorso, ritenendo, sia pur ad una sommaria delibazione propria della fase cautelare, che “la selezione cui hanno partecipato i ricorrenti non comporta la nomina di vincitori, ma solo l’acquisizione di una idoneità ai fini di un’assunzione incerta nell’an e nel quando, che non vi è un’identità tra la selezione alla quale hanno partecipato i ricorrenti e quella oggetto della presente impugnativa, anche alla luce di quanto evidenziato dal Comune nel provvedimento di convalida”.
Per effetto di questa decisione il Comune di Nardò potrà ora procedere spedito nella conclusione del concorso (con le prove orali in programma oggi e domani) e nell’assunzione dei 16 agenti necessari per la stagione estiva.
Come previsto - commenta il sindaco Pippi Mellone - anche questa decisione del Tar conferma la piena legittimità del nostro operato. Possiamo serenamente e velocemente procedere con l’espletamento delle prove del bando e l’assunzione delle unità, che saranno preziosissime in questa estate 2017. Direi che si tratta di una nuova scoppola per l’avvocato Risi che difende i sei ricorrenti del concorso voluto dalla sua amministrazione e fa pericolosamente coincidere partite politiche e amministrative con quelle giuridiche e professionali. È una stagione densa di sconfitte per l’opposizione. In piazza, in consiglio e persino nelle aule di giustizia”.
                                                                                              Ufficio Stampa



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa