Passa ai contenuti principali

Mistero della polvere rossastra nell’area di Soleto

Verso la soluzione del mistero della polvere rossastra nell’area di Soleto. Una centralina dell’Arpa analizzerà i campioni per individuare la sorgente di emissione.
Sarà presto svelato il “mistero” della dispersione in aria di polverino di colore rossastro nella zona di Soleto. Stando al servizio messo in onda in questi giorni da Tr News, la denuncia era stata fatta da un cittadino residente nella periferia di Soleto, il quale ha esternato più volte al sindaco e ai carabinieri, le preoccupazioni per la presenza della terra rossa di origine sconosciuta.
Finora, dopo una serie di denunce da parte di questo signore ai carabinieri, al Noe e perfino alla Procura

della Repubblica, inspiegabilmente non era mai pervenuta al Dipartimento di Lecce di Arpa Puglia alcuna richiesta di sopralluogo e di verifica, relativa alla presenza di polvere rossastra (documentata – ndr.) nelle abitazioni dei residenti della zona. Dopo il servizio di Telerama, pare che qualcosa finalmente si stia muovendo.

Salute Salento ha sentito il responsabile della sezione leccese di Arpa, l’ ingegnere Roberto Bucci (in foto).
«Venerdì scorso (23 giugno – ndr.) mi ha telefonato il comandante dei carabinieri di Soleto – riferisce Bucci – e mi ha parlato della denuncia di un cittadino relativa alla presenza di terriccio rossastro che si depositerebbe nella sua abitazione nel periodo da maggio a settembre. A questo punto – aggiunge l’ingegnere Bucci - ho invitato il maresciallo a voler far pervenire ad Arpa una richiesta di intervento, in modo da organizzare un sopralluogo ufficiale».
Stando alle assicurazioni dell’ingegnere Bucci, in questa settimana, al massimo agli inizi di luglio, una delle due centraline mobili dell’Arpa che attualmente rilevano la qualità dell’aria nei comuni di Zollino ed Aradeo, verrà spostata nella zona di Soleto.
«Intanto – spiega ancora Bucci – ho già parlato con i colleghi del “Centro Regionale Aria”, attualmente impegnati con i rilevamenti delle emissioni dai camini. Appena possibile, penso in settimana, i colleghi saranno pronti per intervenire a Soleto».
Nella zona insistono diversi insediamenti industriali. Quindi le indagini per caratterizzare i composti del polverino e cercare di individuare la sorgente di emissione, non trascureranno nessuna attività dell’uomo.
fonte salute salento


Commenti

Post popolari in questo blog

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa

News Video Galatina 24 Luglio 2017