Passa ai contenuti principali

Merine,nuova scuola media

Taglio del nastro martedì sera alle ore 19.00 della nuova palestra della scuola media di Merine.
Una struttura realizzata ex novo, della dimensione di 800 metri quadrati e dell’altezza di otto metri, con innovativa copertura in legno, che oltre all’aspetto estetico produrrà vantaggi anche dal punto di vista del risparmio energetico.

A pianta circolare, la palestra - progettata dall’ingegnere Alessandro Troyse, impresa esecutrice Nicolì Spa - è stata realizzata sulla zona dove precedentemente si faceva attività all’aperto, un luogo che potrà ospitare eventi extra scolastici, con spogliatoi progettati secondo le direttive del Coni.
L’inaugurazione della nuova palestra (lavori iniziati nel gennaio 2016 e conclusi a maggio scorso) in concomitanza con la manifestazione di chiusura delle attività scolastiche, è stata fortemente voluta dall’amministrazione del sindaco Fulvio Pedone, dall’assessore ai Lavori Pubblici Costantino Giovannico (già sindaco nella passata legislatura), con la collaborazione dell’assessora Annalisa De Fabrizio e della consigliera con delega alla Pubblica Istruzione Paola Buttazzo.
L’opera è stata costruita utilizzando fondi europei, Misura PON FESR 2007/2013 facente parte del piano integrato di Sviluppo Territoriale, per la riqualificazione delle periferie.
Sempre stasera gli alunni dell’istituto comprensivo “C. De Giorgi di Lizzanello con Merine” che concluderanno il ciclo della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado saranno protagonisti di una grande festa a cui parteciperà il dirigente scolastico Andrea Valerini e i docenti insieme alle famiglie.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata